Borgna: "Con la guerra in Ucraina la pace è finita anche dentro di noi. Ma possiamo coltivare la speranza"

Una donna e suo figlio, scappati da Mariupol, arrivano in autobus a Zaporizhzhia, in Ucraina
Una donna e suo figlio, scappati da Mariupol, arrivano in autobus a Zaporizhzhia, in Ucraina 
Il decano della psichiatria italiana: "Viviamo nella paura ma il conflitto ci aiuta a riscoprire valori come la solidarietà e la generosità. E la speranza"


 
3 minuti di lettura

Iraq, Siria, Afghanistan. Di guerre, dagli schermi dei televisori, ne abbiamo viste tante. Ma sembravano appartenere a mondi molto lontani. Anche se provavamo dispiacere per le vittime, sentiamo la distanza. Con l'attacco della Russia all'Ucraina, tutto è cambiato. La paura per la pandemia è stata sostituita da quella per le bombe. Le immagini di donne e bambini in fuga e di città distrutte fanno male.