Festival di Salute. Sma, un modello per le terapie del futuro

Ne parliamo con Eugenio Mercuri, Policlinico Agostino Gemelli, Anita Pallara, presidente FamiglieSMA, Americo Cicchetti, Università Cattolica del Sacro Cuore, e Lisa Noja, componente commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati, deputata di Italia Viva. In studio Letizia Gabaglio
1 minuti di lettura

L’Atrofia Muscolare Spinale è una malattia genetica che nella sua forma più grave era fino a pochi anni fa una vera condanna per i bambini che ne erano colpiti. Una malattia per cui però negli ultimi anni sono stati fatti degli enormi passi avanti, grazie alla ricerca scientifica e all’impegno di ricercatori e pazienti.

Oggi esistono farmaci in grado di contrastare l’avanzare della malattia e, soprattutto, esiste una terapia genica: una cura cioè che va alla radice del problema. Quella per la SMA è solo una delle molte terapie avanzate che nei prossimi anni saranno disponibili: un nuovo modo di curare che pone sfide al sistema sanitario in termini di sostenibilità, organizzazione, screening e follow up.

Ne parliamo con Eugenio Mercuri, Policlinico Agostino Gemelli, Anita Pallara, presidente FamiglieSMA, Americo Cicchetti, Università Cattolica del Sacro Cuore, e Lisa Noja, componente commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati, deputata di Italia Viva. In studio Letizia Gabaglio.