Sicilia, la prevenzione “va” dalle donne. In camper

Centro Amazzone, Palermo
Centro Amazzone, Palermo 
Si chiama “Donna e Ospedale Solidale” ed è un progetto del Centro Amazzone e delle Oncologie della provincia di Palermo, per promuovere attivamente i percorsi di diagnosi precoce. L’obiettivo è facilitare l’accesso anche alle donne in difficoltà
1 minuti di lettura

DARE la possibilità a tutte le donne di intraprendere un percorso di diagnosi precoce e cura del tumore al seno, soprattutto a quelle che vivono in condizioni di disagio sociale. È questo l’obiettivo di “Donne e Ospedali Solidali”, un patto tra il Centro Amazzone e le Oncologie degli ospedali di Palermo e provincia. Il progetto sarà presentato domani, 15 febbraio, nella sede dell’associazione nel capoluogo siciliano, e vede il coinvolgimento di ARNAS-Ospedale Civico, Ospedale “Buccheri La Ferla-Fatebenefratelli”, Azienda Ospedaliera Policlinico, Azienda Sanitaria Provinciale (ASP), Ospedali Riuniti Villa Sofia e Cervello, Fondazione Istituto G. Giglio di Cefalù, Casa di Cura “La Maddalena”, con il patrocinio dell’Università di Palermo.

Prevenzione a 360 gradi

Gli oncologi degli ospedali coinvolti nel progetto collaboreranno su base volontaria per effettuare visite senologiche e screening mammografico sia nella sede del centro sia a bordo di un camper attrezzato, messo a disposizione dall’ASP. Ma non solo. L’iniziativa prevede un vero e proprio percorso di salute fatto anche di occasioni di confronto con medici ed esperti sull’importanza dello stile di vita, per parlare di prevenzione in tutti i suoi aspetti.

Ridurre la distanza fisica e umana

Un luogo più informale e meno freddo rispetto agli ambulatori ospedalieri può ridurre la distanza fisica e umana che spesso si crea tra cittadini e specialisti. Per questo, il Centro Amazzone ha deciso di porsi come punto di congiunzione con tutte le donne che hanno difficoltà ad accedere a questo tipo di servizio sanitario, in un clima più disteso, favorendo l’empatia. D’altra parte, il Centro Amazzone è il primo modello internazionale di integrazione tra medicina e cultura, nato nel 1996 su iniziativa dell’Associazione Arlenika Onlus, e da sempre si dedica alla prevenzione del tumore al seno e al sostegno delle donne durante la malattia con iniziative scientifiche e culturali. “Donna e Ospedale Solidale” rientra in un percorso globale di prevenzione che tra le varie attività comprende anche supporto psicologico, orientamento nelle fasi della malattia, laboratori teatrali, corsi yoga e formazione per le volontarie. L’accesso al centro e a tutte le attività è gratuito.