Olimpiadi di Tokyo, dall’atletica altri sorrisi per l'Italia. Aspettando Tamberi e gli uomini jet

Finale per Sara Fantini nel martello, va avanti anche Re nei 400 uomini. Attesa per il salto in alto e i 100 metri: ecco chi sono gli avversari di Jacobs e Tortu nelle semifinali

DALL’INVIATO A TOKYO. L’atletica azzurra ci ha preso gusto. Nelle eliminatorie della mattinata, l’Italia piazza un’altra delle sue donne in finale, aprendo con un sorriso la giornata che culminerà con i 100 metri uomini (in semifinale i nostri Jacobs e Tortu) e la finale del salto in alto, dove ci sarà il nostro Tamberi.

Sara Fantini, 23enne parmigiana, entra nelle top 12 del lancio del martello con una miglior misura di 71,68 metri, l’ultima utile per la promozione. «Sono felicissima - ha detto Fantini- anche perché essere qui per me era già un sogno, entrare in finale è la ciliegina sulla torta! Sapevo di stare bene, anche in allenamento a Tokorozawa si vedeva chiaramente. Ma un conto è lanciare in allenamento, un altro è venire qui, alle Olimpiadi, e lanciare in qualificazione alle nove di mattina e passare… Sì, è stato difficile, soprattutto a livello mentale, e per me ancora peggio, perché non sono una persona mattutina. Sono venuta ai Giochi per fare del mio meglio e per divertirmi: questo è stato il mio spirito in qualificazione, questo è il mio spirito per la finale! L'Olimpiade è una festa, la festa dello sport, credo che questo sia lo spirito giusto per viverla».

Ed è festa anche per Davide Re che ha acciuffato con il terzultimo tempo dei ripescaggi la semifinale dei 400 metri. Il primatista italiano correva in una batteria particolarmente difficile, la quarta: si è piazzato quinto con 45"46, suo miglior crono in questa per lui difficile stagione. La batteria dell'azzurro è stata vinta dal colombiano Anthony Jose Zambrano (44"87) davanti all'australiano Steven Solomon (44"94) e al primatista mondiale, il sudafricano Wayde van Niekerk (45"25). Eliminato l'altro azzurro, Edoardo Scotti (45"71).

E' però la seconda serata all'Olympic Stadium il clou della giornata olimpica. Si corrono i 100 maschili e ci sono due azzurri in semifinale. Nella seconda Filippo Tortu partirà in corsia 2 e se la vedrà con Travyon Bromell (Usa), Oblique Seville (Giamaica), Femi Ogunode (Qatar), Rohan Browning (Australia), Enoch Adegoke (Nigeria), Zharnel Hughes (Gran Bretagna), Shaun Maswanganyi (Sudafrica).

Nella terza, invece, il nostro Lamont Marcell Jacobs partirà in corsia 5 e se la dovrà vedere con Jason Rogers (Saint Kitts and Nevis), Paulo Andre Camilo (Brasile), Bingtian Su (Cina), Ronnie Baker (Usa), Akani Simbine (Sudafrica), Chijindu Ujah (Gran Bretagna), Arthur Cisse (Costa d'Avorio).

Tutta gente che va forte, un motivo in più per provarci. Gli azzurri in pista poco dopo mezzogiorno ora italiana.

Video del giorno

Sgarbi e Al Bano cacciati a fischi dal palco dell'Arena di Verona: era la sera dell'omaggio a Franco Battiato

La guida allo shopping del Gruppo Gedi