Agenzia delle Entrate, addio Pin: dal 1 ottobre per accedere ai servizi serve lo Spid. Ecco cosa cambia e per chi

È una delle prime conseguenze del decreto Semplificazione: gli ultimi affezionati alle credenziali Fisconline hanno ancora 15 giorni per convertirsi. Boom di accessi al cassetto fiscale in primi 8 mesi

Addio Pin: dal 1 ottobre per accedere ai servizi online dell’Agenzia delle Entrate servirà lo Spid. In due settimane le credenziali di accesso personali non sono più valide e bisognerà utilizzare il nuovo sistema di identificazione digitale, o in alternativa la carta di identità elettronica (Cie) o la Carta nazionale dei servizi (Cns). È una delle prime conseguenze del decreto Semplificazione: gli ultimi affezionati alle credenziali Fisconline hanno ancora 15 giorni per convertirsi, anche se per il momento nulla cambia per imprese e professionisti (per i quali le credenziali Fisconline ed Entratel restano attive).

I numeri della semplificazione

Il passaggio era annunciato da tempo e la transizione era già iniziata. Nei primi 8 mesi l’anno, per i servizi del fisco, le nuove credenziali hanno fatto registrare oltre 44 milioni di accessi al cassetto fiscale, ovvero 32,5% rispetto allo stesso periodo del 2020, più di 1 milione di contratti di locazione (cioè il 90% del totale) sono stati registrati online, come anche 2 milioni di atti pubblici sono stati registrati così, e oltre a 400mila documenti sono stati inviati tramite il servizio Civis. A questi numeri devono aggiungersi i 4 milioni di accessi, registrati nello stesso periodo, all'area riservata di Agenzia entrate-Riscossione.

Cosa cambia e per chi
Nulla cambia, invece per i servizi disponibili all'utenza senza bisogno di registrazione, come la verifica del codice fiscale, la verifica della partita Iva e la prenotazione appuntamenti. Le nuove modalità di autenticazione non interessano, per il momento, i professionisti e le imprese: le credenziali Fisconline, Entratel o Sister, infatti, continueranno a essere rilasciate alle persone fisiche titolari di partita Iva e alle persone giuridiche (PNF) anche dopo il 1 ottobre 2021. Con un apposito decreto attuativo, come previsto dal Codice dell'amministrazione digitale, verranno poi stabilite le regole per queste categorie di utenti.

Nel periodo gennaio-settembre 2021, nonostante la sospensione delle attività di riscossione a causa dell'emergenza Covid, sono stati quasi 4 milioni i contribuenti che hanno effettuato l'accesso ai servizi web dell'area riservata (circa il 60% del totale degli accessi totali al sito web). Di questi, considerato il particolare periodo, circa il 70% ha utilizzato il servizio "Controlla la tua situazione" per verificare lo stato delle proprie cartelle. 

Video del giorno

Perù, terremoto di magnitudo 7.5, nei video sui social il momento della scossa

La guida allo shopping del Gruppo Gedi