In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
PROVA

Mondiali 2022, impresa del Marocco: Sabiri e Aboukhlal affondano il Belgio

Andrea Melli
Aggiornato alle 2 minuti di lettura

Creato da

È un Marocco in formato super quello che batte uno spentissimo Belgio e si prende la vetta del girone. Con il Canada era bastato un lampo di Batshuayi per prendersi i tre punti, lo stesso Batshuayi che ha avuto un’enorme occasione prima che il Marocco prendesse campo e trovasse anche il vantaggio, su finire di primo tempo, con Ziyech. Vantaggio marocchino però annullato dal direttore di gara Ramos, chiamato all’on field review, per un fuorigioco attivo di Saiss. E nella ripresa, si è di fatto ripetuta la stessa situazione con Saiss nuovamente sulla traiettoria della sfera calciata dal sampdoriano Sabiri, ma con Saiss che a differenza di quanto accaduto nella prima frazione accordava la rete (sulla quale Courtois non è stato esente da colpe). E col Belgio alla ricerca del pari era Aboukhla a mettere, meritatamente, la parola fine su un match il cui le Furie Rosse erano partite decisamente più forte del Marocco. Tanto che già al 5’ arrivava la prima occasione. Filtrante di Thorgan Hazard per Batshuayi il cui mancino viene deviato, quanto basta, da Munir. Ci provano poi sia Onana (17’) che Meunier (19’) ma la conclusione del primo finisce alta, mentre la seconda termina tra le braccia di Munir. E’ del trequartista del Chelsea, Ziyech il primo squillo del Marocco: il suo sinistro finisce di poco alto. Bene per Courtois che però già al 23’ fa capire di non essere in una grande giornata. Dribbling inutile vicino alla porta per superare En-Nesyri che per pochissimo non gli soffia il pallone. E dopo un bel calcio da fuori di De Bruyine (39’) arriva il primo grande episodio della sfida. Ziyech (44’) calcia col mancino dal limite dell’area di rigore, Courtois è impallato da Saiss e il pallone termina in fondo al sacco. In un primo momento Ramos concede il gol, ma richiamo all’on field review ritorna sui propri passi e annulla la rete. Si resta quindi sullo 0-0 che il Belgio prova a schiodare al 7’ della ripresa, quando Eden Hazard conclude sul primo palo, trovato Munir particolarmente attento. Sarà una ripresa elettrizzante: al 12’ Boufal non trova il gol per una questione di millimetri e al 20’ il neo entrato Mertens chiama Munir alla grande risposta. Da un neo entrato, Mertens, ad un altro neo entrato, Sabiri, ecco che arriva il timbro che sblocca la partita (28’). Da posizione defilata il sampdoriano Sabiri calcia verso la porta di Courtois (sulla traiettoria probabilmente c’è ancora Saiss) colpevolissimo nell’incassare la rete sul proprio palo. Tenta il tutto per tutto i cittì belga Martinez che lancia nella mischia Romelu Lukaku, al debutto in questi Mondiali. Ma è il Marocco al secondo dei cinque minuti di recupero a siglare il raddoppio con Aboukhlal che di potenza batte Courtois.

I commenti dei lettori