Mantova al bivio, stretta finale con Sdl

Nuova proposta dei soci mantovani per l’ingresso del gruppo bresciano, entro lunedì potrebbe arrivare la fumata bianca

MANTOVA. La trattativa più estenuante della storia biancorossa sembra destinata a chiudersi nel giro di una settimana. Il condizionale è d’obbligo, ma Sdl e soci mantovani sono arrivati al dunque. Ieri Bompieri, Tirelli e Giovanardi si sono riuniti per definire l’ultima offerta per l’ingresso in società da proporre ai dirigenti bresciani: «L’idea è quella di offrire una nuova proposta alla Sdl – spiega il socio Carlo Giovanardi – che probabilmente sarà l’ultima, quella definitiva. Siamo disponibili ad aumentare i carichi economici a nostro favore in modo da favorire l’ingresso dei bresciani nel contesto societario».

Bocche cucite sui termini della proposta, ma chiaramente tutto ruota intorno alla situazione debitoria pregressa, quella che in sostanza è di competanza dell’ex numero uno Michele Lodi. Lodi che si è impegnato formalmente ad onorare i vari pagamenti che però necessitano di tempo. Tempo che il Mantova ha centellinato: il 25 giugno infatti scade il termine per il pagamento degli stipendi relativi alle mensilità di marzo e aprile. In questo caso ci sarebbe un contributo della Sdl a sostegno del Mantova. Stesso discorso per quanto riguarda le pratiche relative all’iscrizione al prossimo campionato. In questo caso il termine fissato dalla Lega Pro è il 30 giugno. Si tratta della famosa fideiussione bancaria di 400mila euro (a cui c’è da aggiungere la tassazione). Qui il discorso è meno complicato: in caso di ingresso della Sdl nel pacchetto azionario la cifra sarebbe divisa (in base alle quote che dovrebbero essere 60% Sdl e 40% soci mantovani).

«Abbiamo cercato di elaborare una strategia chiara per mandare in porto la trattativa – commenta Giovanardi – e speriamo di chiudere al più presto. Al di là degli strascichi della cena di mercoledì sera credo che il progetto che i bresciani hanno in testa sia positivo e ambizioso». Dal canto suo Sandro Musso nei prossimi giorni riceverà e valuterà la proposta mantovana, anche se le parole espresse nel corso delle ultime uscite pubbliche lasciano poco spazio all’immaginazione. Sdl vuole il Mantova e punta a chiudere in tempi brevi per cominciare a impostare la documentazione per l’iscrizione.

E Di Matteo? L’attuale presidente biancorosso si limita a dire che: «ho un ottimo rapporto con Musso, Di Loreto e gli altri dirigenti della Sdl. Quando saranno in società, se lo vorranno, sarò disponibile a parlare con loro. Per il resto confermo la volontà di cedere le mie quote gratuitamente». La prossima puntata potrebbe essere quella definitiva, questo almeno l’augurio di una tifoseria che non ne può più.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

La guida allo shopping del Gruppo Gedi