Parla Di Loreto: «Mantova, ecco come ci rinforzeremo»

Il patron biancorosso, in odore di vicepresidenza di Lega: «Puntiamo a Marchi e Tripoli per l’attacco e a Lo Bue per la fascia destra»

MANTOVA. Via libera alle operazioni per rinforzare il Mantova e per ottenere «anche qualcosa di più della salvezza». A tirare le somme del vertice tecnico tenutosi ieri in Viale Te è il patron biancorosso Serafino Di Loreto, che presto entrerà nel direttivo della Lega Pro (per lui si parla addirittura di una vicepresidenza) e che guiderà anche la Calcio Servizi, vale a dire la “cassaforte” della stessa Lega.

Il metodo. «Ci siamo messi attorno a un tavolo io, il presidente Musso, suo figlio Paolo, il dirigente Togni, il ds Pelliccioni e mister Javorcic - racconta Di Loreto - e abbiamo analizzato tutta la situazione. Perché stavolta noi sulla campagna acquisti mettiamo il becco e, nel caso, ci prenderemo almeno meriti o critiche per qualcosa su cui abbiamo inciso. Qual è il metodo seguito? Il mister dice in quali reparti bisognerebbe intervenire, Pelliccioni e altri nostri consulenti suggeriscono giocatori e - dopo ulteriori verifiche - si agisce». Ed ecco allora come agirà il Mantova: «La difesa non verrà toccata, agiremo soprattutto in attacco puntando su una punta di movimento e un rifinitore. Ma vorremmo fare qualcosa anche per le fasce e a centrocampo».

I nomi. E dai ruoli si passa ai nomi: «In avanti abbiamo individuato Marchi del Pavia e Tripoli dell’Ascoli - specifica Di Loreto -. Per la fascia destra miriamo a Lo Bue del Lecce, mentre per l’altra fascia e per il centrocampo ci sono diversi nomi ma non ancora una scelta ben precisa. Anche perché questa dipenderà da incontri importanti che avremo nei prossimi giorni. Ciò che è certo - sottolinea il patron biancorosso - è che la società sta facendo e farà di tutto per portare la squadra alla salvezza».

Le punte restano. Altra cosa decisa nella riunione di ieri sera è la conferma di tutte le punte centrali in organico: «L’allenatore crede molto in Anastasi - spiega ancora Di Loreto - e noi allo stesso modo abbiamo fiducia in Momentè, che tra l’altro ci è stato già richiesto da Pro Piacenza, Pistoiese, Ancona, Matera e Albinoleffe. Se tutti lo vogliono, perché noi a Mantova non dovremmo riuscire a farlo esprimere al meglio? Così, visto anche che Ruopolo non è al meglio e che sul suo recupero potrebbero esserci degli interrogativi, è stato deciso di non cambiare, trovando il modo di far convivere le nostre punte».

Ai vertici della Lega. Di Loreto, interrogato in merito, si concede poi anche una virata sul tema Lega: «All’inizio di gennaio mi sarà affidata la guida del cda della Calcio Servizi, che è la struttura economica della Lega Pro. E a fine gennaio, invece, sarà ufficializzata la mia presenza nel direttivo di Lega (si parla di vicepresidenza, ndr). Questa è una cosa importante per Mantova». Fra l’altro, uno dei primi obiettivi indicati da Gravina è quello di riportare la Lega Pro a 60 squadre, il che ridurrebbe al minimo i rischi di retrocessione... «Anche questo - commenta Di Loreto - sarà un ben per tutti e per il Mantova».

Le trattative. Entrando nei dettagli tecnici del mercato, la prima operazione ad andare in porto dovrebbe essere (forse oggi mercoledì 30 dicembre) lo scambio con il Pavia: in cambio di Valerio Foglio, arriveranno in biancorosso la punta Mattia Marchi (che però non ha ancora dato il suo ok) e il difensore Andrea Cristini. Quest’ultimo sostituirebbe in organico Fabio Gavazzi, che dovrebbe andare al Pordenone (o al Lumezzane). Fra domani e il primo gennaio, invece, potrebbero andare in porto gli acquisti del 26enne esterno destro Francesco Lo Bue dal Lecce e del 28enne attaccante Pietro Tripoli dall’Ascoli.

In uscita. In partenza potrebbe esserci poi Samuele Sereni, per il quale si tenterebbe uno scambio con il 24enne Riccardo Carlini dell’Arezzo. In uscita sono anche Longo, Puccio e Beretta.

Le rivali. Si muovono sul mercato un po’ tutte le rivali dell'Acm. La prima notizia ufficiale arriva dalla capolista Cittadella, che ha ingaggiato il 36enne attaccante Emiliano Bonazzoli. Il bomber ha giocato la prima parte della stagione nel Siena, totalizzando 14 presenze e mettendo a segno 5 gol. Al colpo del club veneto risponde l’Alessandria, che comunica di avere aggregato alla sua rosa il 23enne terzino sinistro Nicolò Sperotto. In tema di terzini, un colpo lo mette a segno anche il Pavia: il club di proprietà cinese comunica infatti che il 28enne esterno sinistro Fabrizio Grillo si sta già allenando agli ordini di mister Brini, in attesa di poter ufficializzare il suo ingaggio all’apertura del mercato, che avverrà lunedì. Grillo arriva dal Pescara. Sempre dal Pescara la Reggiana ha ripreso il 22enne terzino sinistro Daniele Mignanelli.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi