Stings, riflettori sul PalaBam: incontro con il sindaco in vista

Il presidente Prandi: «Speriamo non ci siano aumenti come capitato la scorsa stagione». Probabile un test con la Pallacanestro Reggiana, si cercheranno sinergie con il nuovo Mantova calcio

MANTOVA. Sono giorni di mare calmo in casa Stings e lo saranno fino al giorno del raduno fissato per lunedì 21.

A interrompere momentaneamente la quiete prima dell’inizio degli allenamenti sarà il programma delle amichevoli. Renderlo pubblico, però, non è ancora possibile, visto che alcune tappe sono ancora in fase di definizione. Gli unici appuntamenti non ancora ufficiali, ma del tutto probabili, saranno due scrimmage, uno nella sede del ritiro della Pallacanestro Reggiana e uno a Sustinente.

L’attenzione si sposta quindi su aspetti che non riguardano prettamente il campo da gioco e le dinamiche più squisitamente tecniche, quanto quelle burocratiche e logistiche. La questione PalaBam in qualche periodo può essere più silente che in altri, ma è sempre una variabile da tenere monitorata. «Sono in attesa di qualche informazione e di un incontro con il sindaco Palazzi - afferma il presidente Marco Prandi - in ballo c’è il contratto di quest’anno con l’organizzazione degli impegni. Per le prime partite non risultano indisponibilità, però finché non avremo il contratto formalizzato qualche sorpresa potrebbe capitare, in particolare nella seconda parte della stagione. Questo fa parte della normale organizzazione. Noi naturalmente abbiamo già comunicato il nostro calendario a sindaco e gestore. I tempi tecnici per la procedura sono dilatati, il prossimo step dovrebbe essere l’assemblea dei creditori e proveremo a concordare un incontro a breve per avere qualche informazione in più. L’anno scorso c’è stato un aumento delle tariffe, puntiamo a mantenere l’equilibrio di costi che ci permetta di sostenere l’attività».

Il PalaBam è uno degli argomenti sull’agenda biancorossa ed è scritto con il pennarello indelebile da anni.

Un nuovo appuntamento invece potrebbe essere fissato a breve. La dirigenza degli Stings ha sempre cercato di coinvolgere il mondo della Mantova calcistica sia con promozioni biglietti-abbonamenti che con inviti e presentazioni di giocatori al PalaBam. Ora che la società di viale Te ha superato le difficoltà più grosse ed è ripartita sotto la presidenza di Maurizio Bortolini, le possibili sinergie tornano a essere un argomento d’attualità.

«Innanzitutto ci fa piacere che il progetto del Mantova sia ripartito e siamo assolutamente disponibili a conoscere la nuova dirigenza - conclude Prandi - non abbiamo comunque mai interrotto il rapporto con l’ambiente calcistico tant’è che abbiamo considerato validi i vecchi abbonamenti per poter usufruire di sconti per l’acquisto dei nostri per la prossima stagione. Tra l’altro l’avvocato Paolo Colombo (socio che detiene il 15% del Mantova 1911, ndr) è uno dei nostri più affezionati tifosi».

Leonardo Piva

La guida allo shopping del Gruppo Gedi