La cavalcata trionfale e il “carretto” delle rivali

Il commento alla vittoria del Mantova sul Villa D'Almè

MANTOVA. Dopo la vittoria di Villa d’Almè, la quinta consecutiva in campionato e la nona (comprese due ai rigori) su dieci gare ufficiali giocate dall’inizio della stagione contando la Coppa Italia, quella del Mantova somiglia sempre più a una cavalcata trionfale. I numeri della truppa di Morgia sono impressionanti (ad esempio 13 gol segnati e appena 4 subiti in sette giornate) e impressionante è anche la facilità con cui la squadra riesce a esprimere lo stesso calcio pur con interpreti a volte diversi. Segno di un gruppo di spessore e di un lavoro tecnico-tattico degno di essere sottolineato.
Eppure, basta dare uno sguardo alla classifica per accorgersi che - nonostante la cavalcata trionfale - l’Acm traina ancora, senza riuscire a staccarselo di dosso, il “carretto” su cui siedono Como, Rezzato e Pro Sesto, che inseguono a 3 lunghezze e continuano a rinforzare le rispettive rose.
 
 
Ecco allora che le parole pronunciate da patron Setti a fine gara («bisogna restare umili e con i piedi molto per terra») ci trovano perfettamente d’accordo.
Non sarà un campionato facile, in testa si prospetta una lunghissima volata (a due, a tre, a quattro, chissà...) nella quale anche i particolari faranno la differenza.
E quindi tutti, in campo e fuori, dovranno metterci del loro. La società (come ha fatto anche in settimana), cercando di migliorare costantemente l’organico, perché tutto è perfettibile; Morgia e i suoi continuando a lavorare sodo senza mollare di un centimetro; i tifosi stando vicini alla squadra, se possibile in numero sempre maggiore, negli scontri diretti come nelle gare non di cartello, anche e soprattutto se dovessero arrivare momenti difficili.
E dunque, dopo il bel “party in Villa”, sguardo al Ciserano che arriverà domenica al Martelli dopo un cocente 1-4 casalingo. Guai a sottovalutarlo, Mantova. 
Video del giorno

Elezione del presidente della Repubblica, seconda votazione a Montecitorio: la diretta

La guida allo shopping del Gruppo Gedi