Il Gabbiano vince con il brivido, Valtrompia steso al tie-break

La squadra di Guaresi va a corrente alternata, poi al quinto non c’è storia. Out Gola, Lorenzi e Tognazzoni, si aggiunge l’infortunio di Ferri Lazzaroni 

CERESE. Ancora un Gabbiano a singhiozzo si fa trascinare al quinto set dal Valtrompia prima di imporsi grazie a un break in battuta di Giglioli (6 punti consecutivi da 3 pari a 9-3, di cui 5 ace), con Magnani trascinatore del sestetto virgiliano. Per il Top Team è il settimo tie-break in 16 giornate, dei quali 6 vinti. Il successo non cancella però il solito rendimento a intermittenza, solo parzialmente giustificabile con le assenze di Gola, Lorenzi, Tognazzoni e dal terzo set anche di Ferri Lazzaroni, vittima di un risentimento muscolare. Mantova palesa per tutta la partita un eccesso di leggerezza (troppa confidenza o poca concentrazione?) e omaggia i bresciani ai vantaggi di un primo set condotto 8-2 e 18-14. Domina il secondo e si spegne sul 16-12 del terzo, trovando il colpo di reni da 23 pari a 25-23. Nel quarto Il Gabbiano si supera, in negativo però: altro blackout da 10-5 nonostante il buon impatto del subentrato Bertazzoni in regia. Valtrompia non molla e trionfa 27-25, dopo un match ball spedito in rete al servizio da Magnani. Nel quinto non c'è storia, grazie ai servizi di Giglioli e alle bordate di Magnani. In luce anche capitan Artoni.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi