Ragazzoni, l’inossidabile: «Anche a Soave respiro l’atmosfera dei primi calci»

Il tecnico 67enne è fra i colleghi quello col palmarès migliore: «Il successo con il Mantova mi è rimasto nel cuore Il più grande? È stato Arioli»