Im Exchange Viadana: Giorgio Bronzini ritorna alla casa giallonera

Il n.9 ex azzurro lascia Treviso: «Non vedo l’ora di iniziare» Confermato Manganiello, reduce da un grave infortunio

VIADANA. Colpaccio di mercato per l'Im Exchange Viadana che riporta a casa Giorgio Bronzini. Il mediano di mischia classe 1990, 178 cm per 90 chili, è un innesto di grande spessore. A parlare per lui è una carriera ricca di soddisfazioni. Nato a Viadana e cresciuto nel club giallonero, ha esordito in Eccellenza nella stagione 2009/10. Poi, il passaggio al Gran Ducato Parma e l'avventura nella franchigia degli Aironi. Torna a Viadana per due stagioni per poi sbarcare a Rovigo dove conquista il tricolore. Infine, l'arrivo a Treviso per tre stagioni ad alto livello ancora in Celtic. In azzurro, dopo le esperienze con U.19 e Nazionale Emergenti, debutta nel novembre 2016 con la maglia dell'Italia contro la Nuova Zelanda. Sette in totale i cap collezionati. «Ho chiuso un capitolo importante della mia carriera rugbistica - spiega Bronzini - ho conosciuto tante persone fantastiche che mi hanno insegnato tanto sia a livello rugbistico che personale. Ora sono pronto per affrontare un nuovo capitolo. Sono molto contento di tornare nel club in cui sono cresciuto e non vedo l’ora di conoscere i miei nuovi compagni di squadra». Il botto di mercato soddisfa il gm Ulises Gamboa: «Un ragazzo nato e cresciuto rugbisticamente a Viadana. Bronzini è un esempio da seguire, abbiamo fatto un grande sforzo per riportarlo a casa ma per il nostro club non è solo un giocatore. Potrebbe in futuro svolgere altri ruoli nel club. Sono molto contento del suo ritorno. Tecnicamente è un giocatore equilibrato, molto esperto. Fisicamente molto presente, dà ritmo e intensità al gioco».

La giornata ha visto anche la conferma di Gabriele Manganiello. L'ala-centro vestirà per la quinta stagione la maglia giallonera. «Veniamo da stagioni altalenanti - racconta -. Soprattutto l’ultimo anno, da considerare, forse, come quello peggiore degli ultimi tempi. Abbiamo deluso tifosi e aspettative, è inutile nasconderlo. Ora però bisogna guardare avanti con fiducia, creando un gruppo unito, provando a riportare entusiasmo e vivacità ai nostri tifosi e al nostro paese. A livello personale, dopo un lungo infortunio, punto a tornare in campo il prima possibile e mettermi a completa disposizione di staff e compagni».

La guida allo shopping del Gruppo Gedi