La Pompea Mantova capolista solitaria della classifica targata 2019

Stings davanti di 2 punti a Udine e a Ravenna, più lontani Montegranaro e Verona Ferrara, attesa il 5 gennaio alla Grana Padano Arena, è in coda alla graduatoria

MANTOVA. Che sia stato un 2019 di alto livello per la Pompea Mantova si poteva intuire, soprattutto considerando le ultime belle prestazioni con Verona, Piacenza e Milano. I dati però certificano statisticamente che nell’anno appena concluso gli Stings di coach Finelli sono stati la formazione migliore tra le squadre a Est.

Nell’elaborare questa statistica sono state prese in considerazione, ovviamente, solo le squadre che hanno militato nel girone di Mantova sia nel campionato 2018/19 che 2019/20. Si sono quindi escluse Fortitudo Bologna e Treviso, promosse in serie A, e le neopromosse San Severo, Urania Milano, Orzinuovi e Caserta. Nel conteggio dei punti si sono prese come riferimento tutte le partite di regular season giocate nell’anno, con esclusione dei playoff e della Supercoppa.

Gli Stings avevano iniziato il 2019 battendo Jesi alla Grana Padano Arena 92-66 e l’hanno chiuso con la vittoria esterna a Milano 78-72, totalizzando quindi ben 40 punti in 31 partite complessive nell’anno solare. I biancorossi conducono questa speciale classifica davanti a corazzate come Udine, Verona e Forlì e Montegranaro, con quest’ultima che si era resa protagonista di un girone di ritorno eccezionale da 13 vittorie e 2 sconfitte nella passata stagione.

E’ impressionante anche il confronto con la Mantova dello scorso campionato: alla quindicesima giornata 2018/19 gli Stings erano al nono posto con 12 punti mentre ora sono in seconda posizione con 20 punti e un rendimento quasi doppio.

Nel resto della classifica c’è da segnalare la grande crescita di Ravenna che, come Mantova, è reduce da un 2019 veramente positivo nonostante abbia rischiato di rimanere fuori dai playoff lo scorso maggio. Sorprendente anche Roseto, un’altra squadra che punta su tanti giovani come gli Stings. Gli abruzzesi, dopo una partenza in sordina nel girone d’andata 18/19, hanno recuperato terreno nella seconda parte di stagione, passando dal penultimo posto ai playoff totalizzando 20 punti in 16 giornate. L’impressione è che Roseto possa ripetere un cammino simile quest’anno visto che l’arrivo dell’ex Mantova Bobby Jones sembra aver dato nuova linfa ai ragazzi di coach D’Arcangeli.

Meglio rispetto alla passata stagione anche Ferrara, prossimo avversario degli Stings domenica 5 gennaio alle 12 alla Grana Padano Arena. Gli estensi hanno 6 punti in più all’anno scorso. Una crescita arrivata anche grazie all’insediamento di coach Spiro Leka che, da quando è subentrato a gennaio 2019 al collega Andrea Bonacina, ha sfiorato i playoff nell’ultimo campionato, lottando per l’accesso alla Coppa Italia fino a qualche settimana fa.

Video del giorno

Prostituzione e violenze sessuali, sgominata a Bologna banda che reclutava giovani ragazze albanesi

La guida allo shopping del Gruppo Gedi