Il Kaos Mantova nella tana del Meta Rondelli: «È dura, ma ci proviamo»

Terza sfida in meno di una settimana per un Kaos Mantova chiamato al tour de force. Dopo il sorprendente ko di Ostia e la netta vittoria con Eboli, i biancorossi sono di scena alle 20.30 a Catania sul terreno del Meta

MANTOVA. Terza sfida in meno di una settimana per un Kaos Mantova chiamato al tour de force. Dopo il sorprendente ko di Ostia e la netta vittoria con Eboli, i biancorossi sono di scena alle 20.30 a Catania sul terreno del Meta. I siciliani sono sesti, in piena zona playoff, con 35 punti. Il Kaos, a quota 29, è al momento lontano tre punti dall'ultimo posto utile in prospettiva post season, occupato dal Signor Prestito. C'è tutto il tempo per chiudere il gap, ma un colpaccio lontano da casa sarebbe un segnale davvero importante.

«Catania è una formazione composta da ottimi giocatori e davvero temibile in casa - spiega il direttore generale Cristiano Rondelli - Sono reduci dall'inattesa sconfitta con Genova e avranno il dente avvelenato. Questo renderà ancora più complicato il nostro compito. Vista la nostra condizione e la prova con Eboli, però, abbiamo la volontà di provarci, anche se quella con Catania sarà una delle gare più dure da qui a fine stagione». La goleada con Eboli ha regalato grande serenità all'ambiente. «Alle volte mi arrabbio dopo le sconfitte perché conosco le potenzialità dei miei giocatori. Con Eboli abbiamo dominato, scendendo in campo con gli occhi della tigre. Dobbiamo avere sempre quell'atteggiamento, solo così possiamo giocarcela alla pari con qualsiasi avversario».


Rientra nell'elenco dei convocati Bocao, che ha scontato la giornata di squalifica. Appiedato dal giudice sportivo, invece, Bueno, che non sarà dunque disponibile. In dubbio Cabeça, alle prese con una forte sindrome influenzale. Nel caso il pivot brasiliano fosse costretto a dare forfait, rientrerebbe tra i convocati Salas. Non al meglio, ma stringeranno i denti, Parrel, sofferente per una botta al costato e Dimas, che ha subito un colpo al ginocchio. Sulla carta si tratta di un turno molto importante per i biancorossi. Eboli e Signor Prestito, squadre che precedono in classifica la squadra di Milella, sono alle prese con due gare interne sulla carta alla portata con Arzignano e Latina. Restare a contatto sarebbe prezioso per non vedere scappare in graduatoria le rivali. Nel match di andata la sfida al Neolu si chiuse sul 2-2.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi