Il Gabbiano è ai box: «Villafranca non ci ha voluto»

Il Top Team con la palestra chiusa, patron Fattori: «Niente allenamenti nel Veronese». L’Èpiù invece è al lavoro a Sorbolo

MANTOVA. Il girone B della serie B di volley è spaccato in due. Posto che anche il turno in programma dopodomani è stato rinviato, c'è chi da mercoledì sera ha ripreso ad allenarsi e chi prende atto a malincuore di vedere i propri impianti con le serrande abbassate. Al lavoro è tornato da l'Èpiù Viadana, che allenandosi a Sorbolo, beneficia del fatto che il palasport sia in territorio emiliano.

Chi è invece è fermo è il Gabbiano Mantova, che ieri mattina ha visto svanire la speranza di rientrare da oggi nel palasport di Cerese. «Niente da fare - si rammarica il presidente del Top Team Paolo Fattori -, nella migliore delle ipotesi non potremo calcarne il parquet prima di lunedì. È un grosso danno per noi, visto che ci sono rivali dirette alla promozione che sono tornate ad allenarsi. E la pallavolo, si sa, è sport di tecnica, poiché serve il contatto quasi quotidiano col pallone, ma anche di tattica, visto che gli schemi devono essere provati e riprovati, anche in funzione degli avversari. Le aree gym sono chiuse e poi mica potremmo fare solo pesi. Gli aspetti anaerobici? Al fine di evitare traumi il volley e la corsa sono agli antipodi, Insomma è un bel caos».

Grazie ai buoni uffici del ds Nicola Mazzonelli c'era stato un tentativo di emigrare per qualche giorno nella palestra di Villafranca ma l'amministrazione veronese ha risposto picche. «Era un'opportunità interessante ma alla fine non si è concretizzata - prosegue Fattori accennando una smorfia -, diciamo pure che non ci hanno voluto». L'ultima possibilità era lasciata al sindaco di Borgo Virgilio Francesco Aporti, attenersi all'ordinanza ministeriale emessa nel tardo pomeriggio di martedì oppure inasprirla. «Il sindaco ha ricevuto un'informativa dal questore nella quale viene ribadito il fermo dell'impianto sino al 1° marzo compreso - riferisce il presidente della Polisportiva Borgo Virgilio Mauro Pastorello -. I nostri impianti restano quindi chiusi sino a nuovo ordine. Mi spiace ma condivido la sua scelta».

La Fipav intanto ha reso noto che salvo indicazioni ministeriali diverse, da lunedì l’attività riprenderà regolarmente con le nostre squadre che potranno allenarsi e giocare le partite a porte chiuse. 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi