Bassi: «Nelle città era impossibile evitare gli assembramenti»