Leclerc realista «Alla Ferrari non abbiamo lavorato bene»