Miglior coach di Plusliga: la Polonia incorona Andrea Anastasi

Ennesimo riconoscimento per l'allenatore di Poggio Rusco eletto dal pubblico il più bravo tecnico degli ultimi 20 anni

POGGIO RUSCO. Profeti in patria ma anche geniali cervelli d'esportazione, se non addirittura in fuga. In una carriera lunghissima, tra salti e schiacciate da atleta arrivato in cima al mondo e messaggi criptati inviati da bordo campo a migliaia di atleti nascondendo il proprio volto dietro ad una cartellina, Andrea Anastasi ha raccolto l'ennesimo, meritato e significativo riconoscimento.

Quello di miglior coach in assoluto negli ultimi vent'anni di Plusliga, il massimo campionato polacco di pallavolo di cui il poggese è da tempo protagonista. A sancirne il successo sono stati i tifosi, competenti appassionati di uno sport che in Polonia ha l'indice di gradimento alle stelle. Dopo l'esperienza di Danzica durata cinque anni il 'Nano' è dall'estate 2019 sulla panchina del Projekt Varsavia, ambizioso club che ambisce a riportare lo scudetto nella capitale per la prima volta dagli Anni 80.


L'interruzione per la pandemia ha annullato il torneo quando il progetto era ben più di un'ipotesi, con una finale di Coppa nazionale da disputare, dopo l'uscita dalla Champions League. Ma per la stagione a venire gli obiettivi di Anastasi sono ancora validi, nonostante l'incertezza della ripartenza e delle condizioni economiche dei club, ridimensionati dalle conseguenze del Covid. Al suo attivo in Polonia ha due Coppe e una Supercoppa polacca alla guida del Trefl Danzica. Ma il 'Nano' di Poggio Rusco è intenzionato a stupire ancora.

 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi