Suzzara-Pieve 01, tutto è filato via liscio nella prima partita ufficiale post lockdown

Bianconeri travolgenti al via in Coppa Lombardia. Il patron Palvarini: «Le norme anti-Covid? Eravamo pronti da tempo»

SUZZARA. Il Suzzara prova a lanciare un segnale chiaro e di speranza. Con le dovute accortezze ci si può provare. Organizzazione perfetta da parte della società bianconera che, per l’occasione, ha deciso di far giocare il match giovanile a porte chiuse per concentrarsi sulla sicurezza di dirigenti e giocatori della sfida di Coppa Lombardia della Juniore regionale fascia B contro la Pieve 010, primo match ufficiale post lockdown.



Passo dopo passo ma all’Allodi è già tutto pronto per far entrare il pubblico. Forse troppo facile come esordio prendere come esempio una della società più attrezzate ma questo può servire da stimolo a tutti per essere un po’ più ottimisti. Sulle tribune quindi solo qualche addetto ai lavori come il presidente Enzo Palvarini. «Ci siamo fatti trovare pronti - afferma - ma erano già diversi mesi che stavamo lavorando per questo. La struttura è a posto e siamo pronti per far entrare anche il pubblico. Aver giocato a porte chiuse è stata una scelta isolata come prova generale per il futuro. E’ andato tutto bene».

Il presidente poi parla anche di calcio come giusto che sia. «I ragazzi hanno disputato una buona partita. Credo che in questa rosa ci siano diversi interessanti profili che potranno riguardare anche la prima squadra. Abbiamo voglia di giocare». Una nota di merito a questo Suzzara di mister Bellini che in gara 1 ha rifilato 6 reti alla Pieve giocando addirittura in 10 uomini per più di un tempo per l’espulsione al 41’ di Abdelouaret per doppio giallo. Ci mette poco il Suzzara a mettere le cose in chiaro.

Al 15’ Menghini dalla sinistra si accentra, arrivato all’incrocio dell’area di rigore lascia partite un precisissimo sinistro che si insacca sotto la traversa sul secondo palo. I bianconeri sono caldi e provano a chiudere i giochi al 23’ ma Nogaretti a tu per tu col portiere si fa ipnotizzare. Poco male perché al 37’ una bellissima combinazione Torelli-Rosa porta quest’ultimo in rete. La Pieve accusa il colpo e dopo un solo minuto causa un rigore sull’incursione di Nogaretti. Sul dischetto si presenta Torelli che non sbaglia. Il portiere intuisce ma la conclusione è imparabile. Al 41’ viene espulso Abdelouaret ma questo Suzzara è troppo forte e per sicurezza all’ultimo secondo prima del riposo realizza il poker con Rosa che trasforma in oro una bella sponda di Puro. La partita è davvero finita anche perché nel secondo tempo i giovani bianconeri riescono a controllare il match senza mai soffrire. Anzi, arrivano altre due reti che portano la firma di Loffredo e Negri.

A fine gara arrivano anche i complimenti del mister della prima squadra Alessandro Mutti: «Seguo con grande attenzione i ragazzi della formazione Juniores. Alcuni si stanno anche allenando con noi e qualcuno ha anche già esordito lo scorso anno in prima squadra. Anche noi non vediamo l’ora di scendere in campo. Stiamo bene e siamo riusciti anche a fare qualche amichevole necessaria per iniziare a prendere il giusto ritmo. Sul discorso Coronavirus credo siamo arrivati nella fase in cui dobbiamo un po’ provare a conviverci sempre con le dovute precauzioni e rispetto dei protocolli. A riguardo la società è impeccabile». Nel prossimo turno il lanciato Suzzara di Bellini affronterà lo Sported Maris. —

 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Mantova: incendio di piumini vicino alla fermata del bus della scuola

La guida allo shopping del Gruppo Gedi