Staff Mantova, slitta di una settimana la partenza del campionato

La pandemia accelera, accolta la richiesta della Lnp: via con Udine il 22 novembre, da recuperare 2 gare. Il 24 ottobre a Verona si chiude la Supercoppa. Cassinerio: «Più sostegno reciproco» 

MANTOVA. La Staff Mantova è pronta a chiudere il 24 ottobre il girone di Supercoppa Centenario con la sfida più attesa: il derby con la Tezenis Verona. Ma la notizia del giorno è lo slittamento del via del campionato di una settimana su richiesta della Lnp visto l’aggravarsi della pandemia: Staff-Capo d’Orlando e Urania-Staff, prima e seconda giornata previste domenica 15 e mercoledì 18 novembre verranno recuperate entro il 10 gennaio. Via quindi, Covid-19 permettendo, dalla terza giornata di domenica 22 novembre con Mantova-Udine.

In Supercoppa gli Stings sono reduci dal ko con la stessa Udine e dalla vittoria con Orzinuovi mentre la Scaligera, dopo il primo successo con l’Agribertocchi, ha rimediato uno stop coi friulani per 84-69. Su quest’ultimo ko hanno influito le pesanti assenze del lungo Giovanni Pini e del play statunitense Phil Greene che mancheranno anche la sera del 24 ottobre.

L’assistant coach biancorosso Matteo Cassinerio fa il punto sulle prime due partite ufficiali: «Con Udine abbiamo avuto un buon approccio contro una squadra molto solida e costruita per vincere il campionato. Nella prima sfida abbiamo trovato delle certezze, siamo rimasti in partita fino all’ultimo quarto quando ha fatto la differenza la maggior profondità del roster udinese. Con Orzinuovi abbiamo affrontato la partita in modo soft, a mio avviso è stata una gara meno positiva dal punto di vista dell’approccio mentale. Gli aspetti positivi sono stati la vittoria e le buone percentuali al tiro, ma abbiamo fatto passo indietro per rendimento complessivo».

Intanto gli Stings continuano a lavorare tanto per raggiungere il 100% della condizione fisica in vista del debutto in campionato: «La squadra lavora bene in palestra, cerchiamo di concentrarci più sulla qualità che sulla quantità. È necessario un gioco diverso rispetto agli anni passati e più adeguato all’età media più alta».

Anche se né la Staff né la Tezenis potranno sperare nel primo posto del girone, già matematicamente conquistato da Udine, sarà partita vera: «È sempre un derby ed è quindi molto sentito da entrambe le società - ammette Cassinerio - Nonostante le assenze di Greene e Pini, Verona rimane una squadra di alto livello e che vuole fare il salto di categoria. Da parte nostra vorrei rivedere una partita gagliarda come con Udine. Desidero vedere una squadra che si aiuta sia in difesa che in attacco e che continui il percorso di crescita».

Infine, sono ripresi gli allenamenti del San Pio X e del Sustinente, squadre coinvolte nel progetto Stings Academy. In rispetto alle ordinanze regionali, gli allenamenti si tengono individualmente e senza contatto.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi