In archivio l’annata dello Sporteven Sugli scudi con 10 exploit Maria Acuti, la regina della mtb

REVERE

A conti fatti si può tranquillamente affermare che in una stagione 2020 caratterizzata dal lungo stop a causa del coronavirus lo Sporteven Ciclyng Group ha comunque confermato a pieno le proprie potenzialità.


Complessivamente da fine luglio a fine ottobre i ragazzi e le ragazze del presidente Gianluca Boselli hanno collezionato partendo dai numeri qualcosa come 13 vittorie, 7 secondi, 6 terzi, 12 quarti, 3 quinti e 11 piazzamenti dal 6° al 10° posto.

«Meglio di così - fa notare il presidente Gianluca Boselli - non poteva certo andare, viste le condizioni nelle quali ci siamo trovati. Gli atleti, tanto i giovanissimi quanto gli esordienti non si sono certo tirati indietro su qualsiasi tracciato, dalla strada all'off road. Noi come dirigenti ci sentiamo soddisfatti anche sul piano organizzativo. Quest'anno nonostante le difficoltà incontrate a seguito del coronavirus siamo riusciti ad organizzare tre competizioni due di Mtb e una su strada, ottenendo risultati decisamente positivi. Confidiamo che nel 2021 si possa vivere la stagione con minori affanni. Mi sembra giusto a questo punto ringraziare tutte le persone che a vario titolo ci sono stati al fianco, dagli sponsor, ai miei collaboratori, ai tecnici e alle famiglie dei nostri validissimi ed encomiabili atleti».

Andando più nello specifico l’atleta che maggiormente ha conquistato il podio è stata senza ombra di dubbio Maria Acuti. La giovane ostigliese, più volte nel finale di gara è rimasta coinvolta in cadute che l'hanno estromessa dai giochi per la vittoria, ha confermato le proprie potenzialità sia su strada sia nell'Mtb collezionando ben 10 allori più altri piazzamenti di rilievo.

Oltre a lei a firmare l'albo d'oro di varie competizioni sono stati anche Pietro Zerbinati, Lorenzo Simi, ed Emma Traldi. Giovanissimi a parte anche gli esordienti, Leonardo Boselli, Andrea Bertolini e Matteo Faccincan, guidati in ammiraglia da Carlo Pedrazzoli, hanno vissuto un 2020 positivo.

Adesso è tempo di "vacanze" ma non per Gianluca Boselli ed i suoi collaboratori che stanno lavorando già per la prossima stagione, alla quale non solo gli atleti reveresi ma in generale tutto il movimento ciclistico virgiliano chiedono la possibilità di gareggiare in maniera ottimale, indipendentemente dai risultati ma per il gusto di fare sport e di divertirsi. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA



La guida allo shopping del Gruppo Gedi