Il Viadana parte male: passo indietro a Padova

Gialloneri inesistenti nel primo tempo finito 18-0. Poi l’acuto di Bientinesi riaccende le speranze ma arriva la sconfitta

VIADANA. Un primo tempo negativo condanna il Viadana alla sconfitta a Padova. Finisce 24-5 all'Argos Arena ma la differenza nel punteggio matura nella prima frazione, con i gialloneri che pagano un approccio poco convinto. Il 18-0 all'intervallo è una montagna difficile da scalare. Nella ripresa è un altro Viadana ma l'impresa non si concretizza. Rimane un po' di rammarico. Vero che la rosa patavina è stata costruita per traguardi ben diversi da quelli dei gialloneri ma la speranza era quella di provare il colpaccio contro un Petrarca al debutto assoluto nel Top 10 dopo i tanti casi di Covid nelle scorse settimane.

Avvio aggressivo dei padroni di casa, che costringono i gialloneri al fallo e siglano i primi tre punti del loro campionato con un piazzato di Lyle. I veneti pagano la lunga inattività con un po’ di ruggine in touche ma in mischia fanno la voce grossa. Tante le imprecisioni di Viadana nella prima fase, con Lyle che porta i suoi sul 6-0 con un altro calcio. Arriva anche il giallo ad Antonio Denti e la superiorità padovana si concretizza con un drive finalizzato da Cugini. Ragazzi di Fernandez di fatto assenti dal campo: al 25’ è 11-0. La situazione peggiora col giallo per Bientinesi che cerca ingenuamente di smanacciare un passaggio per interrompere una pericolosa ripartenza dei locali. In doppia superiorità Padova allunga. Grande accelerazione di Zini, passaggio al tallonatore Cugini che segna la sua seconda meta. Un monologo della squadra di casa che resta con continuità nei 22 dei gialloneri. Viadana, però, stringe i denti e riesce a limitare i danni, chiudendo sotto 18-0 la prima frazione.


Si riparte e i gialloneri paiono trasformati. Splendida azione corale in velocità dei ragazzi di Fernandez che sfruttano al meglio l’ampiezza del campo e vanno a segno con Bientinesi. I gialloneri sono più presenti in campo e giocano a viso aperto, anche se un altro calcio di Lyle fa aumentare di nuovo il gap. Maggiore equilibrio ma Viadana fatica a concretizzare, cosa che invece riesce bene ai locali col solito Lyle. La seconda meta sarebbe meritata. Niente da fare, però. Qualche imprecisione e il muro dei veneti impediscono ai gialloneri di riaprire il match. Ritorno allo Zaffanella sabato alle ore 15 contro le Fiamme Oro, superate a sorpresa ieri in casa dal Colorno. Intanto, Riccardo Andreoli e Matteo Sassi al raduno azzurro U21 a Parma dal 14 al 17 dicembre. —



 

Video del giorno

Mantova, visita segretario generale Slc Cgil alla cartiera

La guida allo shopping del Gruppo Gedi