La Staff Mantova domenica recupera Cortese e punta dritto al poker di vittorie a Torino

La guardia tenuta a riposo la settimana scorsa contro Bergamo per un guaio muscolare, tra i piemontesi l’ex Alibegovic

MANTOVA. A distanza di quasi sei anni gli Stings torneranno ad affrontare Torino. L’ultimo confronto è datato 1° marzo 2015 e per l’occasione la Mantova allora guidata da coach Alberto Morea riuscì nell’impresa di battere in casa per 85-82 una Torino che alla fine di quella stagione vinse i playoff e si aggiudicò la promozione in serie A.

Come allora, anche in questo campionato Torino è partita con forti ambizioni. Dopo un’estate vissuta in bilico tra la possibilità di essere ripescata in serie A e la prosecuzione dell’avventura in A2, la Reale Mutua di coach Demis Cavina ha iniziato la stagione dimostrando subito il proprio talento. Le tre vittorie conquistate contro Biella, Assigeco Piacenza e Trapani sono arrivate con uno scarto medio monstre di 26 punti. Torino ha comunque rimediato due sconfitte contro l’altra corazzata Tortona (70-64) e quella contro una squadra imprevedibile e in crescita come Treviglio per 77-66 la scorsa domenica.

I due ko non hanno però scalfito minimamente le elevate ambizioni del team piemontese che può contare su un roster esagerato in termini di qualità e quantità. Gli americani Clark e Pinkins sono una delle coppie più letali del campionato mentre il giovane centro Ousmane Diop è stato finora protagonista con 20.2 punti e 7.8 rimbalzi in appena 25 minuti di media. Occhio anche all’ex Stings Mirza Alibegovic, tiratore letale dalla lunga distanza. Dalla panchina possono arrivare rinforzi importanti come Penna, Toscano, Bushati e il veterano della serie A (7 stagioni consecutive nella massima serie per il classe 1990) Luca Campani.

Per la Staff Mantova sarà un test piuttosto probante ma anche affascinante. Di fatto, è il primo big match della stagione che gli Stings potranno giocare ad “armi pari”. Ai precedenti due scontri contro Verona e Udine Mantova si è presentata in condizioni atletiche precarie dovute al lungo stop causato dal Covid-19 nelle prime settimane di novembre. Gli Stings sono reduci da tre vittorie di fila caratterizzate da un’alta intensità difensiva. Proprio dalla difesa dovrà partire il tentativo di impresa dei ragazzi di coach Emanuele Di Paolantonio che dovranno cercare di limitare i momenti di pausa nell’incontro. Sarà inoltre fondamentale non concedere a Torino di imporre il proprio ritmo nel primo quarto com’è invece successo contro Orzinuovi e Bergamo.

Tra le fila della Staff dovrebbe anche rientrare a pieno regime Riccardo Cortese, tenuto precauzionalmente a riposo nella sfida con Bergamo a causa di un problema muscolare. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi