Viadana esulta, ricorso accolto Colorno, Chibalie fuori sei gare Il fallo su Mateu era volontario

Sei settimane di squalifica al giocatore di Colorno Yann Chibalie per una gomitata volontaria rifilata a Inaki Mateu. Il giudice sportivo della Fir ha accolto l'istanza presentata dal Viadana per l'episodio accaduto nel match vinto dai gialloneri in Emilia, prima sul campo e poi anche a tavolino

VIADANA. Sei settimane di squalifica al giocatore di Colorno Yann Chibalie per una gomitata volontaria rifilata a Inaki Mateu. Il giudice sportivo della Fir ha accolto l'istanza presentata dal Viadana per l'episodio accaduto nel match vinto dai gialloneri in Emilia, prima sul campo e poi anche a tavolino. Sfuggito all'arbitro Bottino e al guardialinee Schipani, il colpo proibito è stato giudicato da sanzionare. Nel ricorso presentato da Viadana, completo di video dell'azione, si evidenzia come «l’azione risulta particolarmente violenta ed ingiustificata perché il giocatore n. 13 del Rugby Viadana (Mateu) corre senza palla in sostegno al compagno portatore di palla n. 19. Il giocatore n. 13 del Rugby Colorno (Chibalie) interviene alzando chiaramente il gomito per colpire intenzionalmente al volto l’avversario, che subito il colpo cade a terra. L’azione del giocatore n. 19 del Rugby Viadana che puntava verso la linea di meta avversaria, risulta dalle immagini distante dall’intervento falloso. Riteniamo pertanto che la volontarietà e la pericolosità dell’atto compiuto meritino un’adeguata sanzione».

Dopo aver visionato il filmato, il giudice sportivo conferma. «Giunti in prossimità del raggruppamento che si è formato a seguito di un placcaggio che riceve il portatore di palla n. 19 del Viadana - si legge nella motivazione - il giocatore n. 13 del Colorno, Yann Chibalie, in piena corsa colpisce con il gomito destro la testa il giocatore n. 13 del Viadana (Mateu) che cade pesantemente a terra con la faccia rivolta verso il terreno di gioco. Il giocatore n. 13 del Colorno si allontana correndo dietro la propria linea dei tre quarti. L’azione posta in essere dal giocatore del Colorno è volontaria e non si ravvisano elementi mitiganti che possano attenuare e/o ritenere accidentale il colpo alla testa dell’avversario».


Oltre all'aver colpito l'avversario con il gomito Chibalie è incappato anche in due aggravanti, avendo colpito alla testa e approfittando della vulnerabilità del giallonero. Aggravanti che fanno aumentare da quattro a sei le settimane di stop, con Chibalie che resterà ai box fino al 15 febbraio compreso. In casa Viadana si attende ora l'esito del ricorso presentato per un altro episodio, accaduto nella sfida interna con Valorugby: un ingresso laterale in ruck considerato dalla società pericoloso di Leaupepe e non sanzionato dal direttore di gara.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Ponte di San Benedetto Po: lo stato dei lavori in agosto, visto dal drone

La guida allo shopping del Gruppo Gedi