Il Gabbiano Mantova getta la maschera: annientato anche il Bolghera

Il team di Guaresi domina a Cerese e prosegue il mini girone a punteggio pieno. Bene Bigarelli e Cordani ma tutto il gruppo sfodera una prova di grande qualità

CERESE. Il Gabbiano getta la maschera e punta legittimamente in alto. Annientato in tre set un Bolghera Trento penalizzato dall'assenza per Covid di Cristofaletti e da metà primo set anche dall'uscita per infortunio dell'opposto Boesso, il suo elemento senza dubbio più pericoloso.

Confronto d'alto livello per la B, sin dai primissimi scambi, col Top Team in campo con Bigarelli opposto al regista Sasdelli, Zanini e Amouah al centro, Gola e Cordani in banda e Catellani libero. Mantova scappa presto sull'8-5 con Bigarelli, poi due muri dell'ottimo Gola e una giocata di classe di Cordani scavano il primo solco sul 16-9, in coincidenza del ko di Boesso. Ancora il pimpante Biga trascina avanti il Gabbiano (23-17), prima della staffetta che caratterizza i primi due set: dentro l'asse Pedroni-Peslac per Sasdelli e Bigarelli. Il parziale si muove d'inerzia al definitivo 25-19, con un errore al servizio per parte.

Il Top Team riparte con l'assetto schierato in avvio ma esce dalla pausa lentamente (4-9), prima di rimediare ancora sospinto dalle sue bocche di fuoco: in pochi istanti ribalta sull'11-10. Sotto 16-17 punta di nuovo su Pedroni e Peslac ma una discussa invasione complica ancor di più i piani del Gabbiano (16-18). Set compromesso? Macché, ci pensa Cordani a ottenere il break cruciale (22-20), con Amouah e Peslac che firmano gli ultimi due punti (25-22).


In avvio del terzo Guaresi sceglie di confermare il sestetto che ha convinto in volata poc'anzi e tutto sembra andare per il meglio sino al 10-5. Ma Trento si desta dal suo torpore, la mette sull'entusiasmo (anche con qualche urlo che nel deserto di Cerese finisce per indispettire il clan del Top Team) e risale, prima 16-15, poi 19-16, infine addirittura 23-19. Tuttavia, gli ospiti non hanno fatto i conti con il servizio di Cordani, sempre lui. Va in battuta, ottiene anche un ace ma soprattutto favorisce attacchi e ricostruzioni vincenti dei compagni. Il Gabbiano può gioire mentre le due squadre si radunano a centro rete per chiarire il crescente nervosismo e saldare qualche pendenza maturata in partita.




 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

A1, blocca il treno alta velocità, scende e lancia sassi contro le auto: bloccato con il taser

La guida allo shopping del Gruppo Gedi