Viadana, spegni le Fiamme Oro e centra l’operazione sorpasso

I gialloneri contro la formazione capitolina nel recupero allo stadio Zaffanella. Rientra Finco, coach Fernandez: «Cerchiamo la crescita al di là degli infortuni»

VIADANA.  Missione sorpasso. Sfida casalinga per il Viadana, di scena oggi alle 15 allo Zaffanella per il recupero della gara della sesta giornata con le Fiamme Oro. I gialloneri non sono scesi in campo nel weekend precedente, mentre i romani si sono imposti 26-19 nel derby della capitale con la Lazio. In classifica il quindici della Polizia di Stato, che ha all'attivo sei sconfitte e quattro vittorie, precede Viadana di due lunghezze con una partita giocata in più.

Due squadre senza pressioni legate alla graduatoria. Per la squadra di Fernandez, oltre ad un nuovo passo nel percorso di crescita, potrebbe essere l'occasione per scavalcare in classifica proprio le Fiamme. «È bello tornare a giocare in casa con un clima più mite - commenta il tecnico German Fernandez -. Questo aspetto ci aiuterà a sviluppare il nostro gioco. Abbiamo l'obiettivo di continuare a mostrare una crescita partita dopo partita. Parlando con la squadra, abbiamo capito che siamo come una persona che inizia una dieta. Perde velocemente i primi cinque chili e poi fatica un po' di più a perdere i successivi cinque. Noi vogliamo dimostrare che il percorso che abbiamo scelto è quello corretto. Un percorso al quale la squadra si sta adattando. La lista degli infortunati è lunga. Da un lato è un problema, ma è un'occasione per vedere all'opera giocatori che solitamente non hanno la possibilità di andare in panchina o giocare dall'inizio».

Ritorno dal 1' per il trequarti argentino Finco, fermato nei mesi scorsi da un problema fisico e poi dalla folta concorrenza nel reparto. La sua ultima gara ufficiale, il 13 febbraio 2020 allo Zaffanella con Valorugby. Indisponibili per infortunio Mateu, Sassi, Quintieri, Manganiello, Bientinesi, Grassi, Caila e Boschetti. Infine, una curiosità. I giocatori dell'Italia hanno posato per la foto di gruppo ufficiale prima della sfida del Sei Nazioni con l'Irlanda, indossando le maglie dei club dai quali sono stati tesserati la prima volta in carriera. Due hanno vestito quella del Viadana, Brex e Traore. Un'immagine scelta per simboleggiare il legame tra il vertice e la base del rugby nazionale. 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Ponte di San Benedetto Po: lo stato dei lavori in agosto, visto dal drone

La guida allo shopping del Gruppo Gedi