Staff, vincere a Biella per avvicinare i playoff. Ma bisogna mettere la museruola a Carroll

La squadra piemontese è ben diversa da quella battuta all’andata con l’innesto dell’ex Treviso sempre in doppia cifra

MANTOVA. Un’altra importante tappa nella “missione girone Azzurro” per la Staff Mantova. Gli uomini di coach Gennaro Di Carlo sono chiamati a dare continuità alle due belle vittorie contro Tortona e Trapani dell’ultima settimana che hanno ridato ossigeno alla classifica biancorossa. In meno di 7 giorni gli Stings sono passati dal concreto rischio di venire agganciati al penultimo posto, a soli due punti di distanza dalla zona playoff. Capitan Ghersetti e compagni hanno corretto la rotta appena in tempo per riuscire a giocarsi ancora le proprie possibilità nelle prossime gare.

La strada rimane in salita e per arrivare almeno al nono posto (l’ultimo disponibile per il girone Azzurro della fase a orologio in cui ci si gioca il posizionamento per i playoff) serve vincere oggi a Biella e le prossime sfide contro l’Assigeco Piacenza e Orzinuovi. Almeno sulla carta, la gara di domani sera (21 marzo) potrebbe sembrare alla portata degli Stings. In questo momento del campionato però i valori della classifica tendono a essere molto mutevoli. Chi è agli ultimi posti, infatti, tende a mettere in campo molta più energia rispetto alle squadre posizionate al vertice perché sa che si sta giocando la “vita”, sportivamente parlando. In particolare, Biella ha ancora due partite per cercare di evitare di finire nel girone Nero. In questo raggruppamento viene decretata una retrocessione diretta mentre le altre squadre dovranno giocarsi la salvezza attraverso i playout.


Rispetto alla gara d’andata vinta per 92-80 dai mantovani (all’epoca ancora guidati da coach Emanuele Di Paolantonio), Biella è un’altra squadra. Da allora, i piemontesi hanno conquistato addirittura più punti degli Stings (12 contro 10) e hanno fortemente cambiato il proprio assetto. Salutato il centro Jakub Wojciechowski passato all’Olimpia Milano, coach Iacopo Squarcina si è affidato all’ex Treviso Jeffrey Carroll. L’esterno americano è sempre andato in doppia cifra nelle 13 gare fin qui disputate e ha una media di 22.5 punti a partita. Inoltre, è reduce da un totale di 74 punti nelle ultime tre partite. Un vero cecchino, quindi, su cui Mantova dovrà lavorare tanto in difesa. Occhio però anche a Hawkins, Laganà e Miaschi, altri importanti componenti dell’ingranaggio biellese.

Dal canto suo Mantova farà affidamento su un ritrovato Ghersetti, grande protagonista della sfida contro Trapani, e su un Rain Veideman che finora è stato capace di imprimere un ritmo diverso alla manovra biancorossa. Quella di stasera è quindi una tappa da non fallire per provare a tenere vive le speranze di playoff.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

La fuga disperata dalla trappola russa

La guida allo shopping del Gruppo Gedi