«Dedicata a don Alessandro colpito di recente dal Covid»

Il tecnico Di Carlo: «Eravamo con le spalle al muro e abbiamo reagito. I ragazzi hanno dimostrato grande carattere e senso di responsabilità» 

MANTOVA. Gli Stings conquistano la vittoria più importante della stagione per scacciare lo spettro del temuto girone nero e giocarsi ancora qualche possibilità per accedere al girone azzurro in cui sono in palio i posti per i playoff.

Un successo di mentalità per la squadra di coach Gennaro Di Carlo, capace di trasformare la delusione della sconfitta di Biella in una prova di grande tenacia. «È stata una grande vittoria, faccio i complimenti a tutta la squadra - esordisce in conferenza stampa il coach -. Erano in palio due punti importanti, i ragazzi hanno dimostrato di avere grande carattere e senso di responsabilità. Abbiamo fallito spesso l’appuntamento con una partita chiave e per noi questa era l’opportunità per riscattarci. Tutti hanno dato un maggiore contributo rispetto alle gare precedenti». Di Carlo analizza nello specifico la vittoria: «Abbiamo vinto la battaglia a rimbalzo e non è stato per una questione atletica. Si vede che c’era voglia di contendere il pallone. Abbiamo concesso meno tiri da seconde opportunità mentre in attacco ci siamo fatti trovare più pronti. Era la partita che volevamo fare, ci tenevamo a dimostrare un atteggiamento maturo. Ci siamo ritrovati con le spalle al muro e abbiamo reagito bene».



Il tecnico continua l’analisi: «Veideman ha segnato poco ma è stato fondamentale in difesa, ha dato segnali di grande mentalità. Weaver sta migliorando nella continuità di rendimento e questo non può che far bene alla fiducia di tutta la squadra. Ci tengo a fare i complimenti a Piacenza, è una squadra che gioca in modo compatto e che merita la posizione che ha in classifica». Infine, un augurio per un tifoso speciale degli Stings: «Dedico la vittoria al nostro don Alessandro che è stato recentemente colpito dal Covid. Mi auguro che questo successo lo possa aiutare a trovare il sorriso».

Così il collega Stefano Salieri dell’Assigeco: «Mantova ha meritato la vittoria, noi abbiamo messo intensità e mentalità ma non è bastato. Nel finale abbiamo fermato troppo la palla e questa è anche una mia responsabilità». —



© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

La fuga disperata dalla trappola russa

La guida allo shopping del Gruppo Gedi