Il patron Boselli non esclude il ritorno dell’Èpiù a Viadana

«Per restare a Cremona deve esserci la disponibilità della città e degli sponsor a starci accanto. Il PalaFarina richiama bei ricordi Nulla è deciso, aspettiamo» 

CASALMAGGIORE (CREMONA). «Il passato è passato, ora guardiamo al futuro». Al termine di una stagione di serie A1 a dir poco travagliata, Massimo Boselli, presidente della Vbc Èpiù Casalmaggiore, cerca di vedere uno spiraglio di luce dando un senso al presente.

A causa della positività al Covid-19 di sei giocatrici (ora scese a cinque) e di tre tecnici, il club casalasco ha dovuto rinunciare la scorsa settimana al doppio confronto con Chieri del primo turno playoff, chiudendo anzitempo l’annata 2020-2021. La Lega ha elogiato la società per aver permesso la normale prosecuzione del calendario nazionale tutelando, nel contempo, l’attività internazionale di Cev e Fivb.

«Se ci fossimo irrigiditi - dichiara il patron - sarebbe andato a discapito del movimento. Purtroppo, per il secondo anno consecutivo il Covid ha prevalso (il 2019-2020 è stato bloccato per tutti a marzo, ndr). La frustrazione è grande ed è ingiusto che ci siamo dovuti fermare per ragioni extra-sportive. Però così è andata anche per un’errata programmazione del finale di stagione».

Ora come si procede? «Per prima cosa ci sediamo attorno a un tavolo e decidiamo cosa vogliamo fare. Facciamo fatica da un anno e giocare in queste condizioni non è gratificante, per atlete, società e sponsor. È capitato a causa di eventi negativi, fra infortuni e addii. Abbiamo cambiato l’alzatrice a pochi giorni dal via. Siamo partiti con due bande e siamo arrivati con altre due. Poi il Covid ha colpito mezza squadra. Di certo non ci piace non essere più protagonisti come anni fa».

Capitolo palasport. Si vocifera di un possibile ritorno a Viadana, ma il PalaFarina non si sa quando sarà pronto e il Comune di Cremona ha piacere a rinnovare la convenzione. «Ci siamo già incontrati per il rinnovo - informa - però deve esserci la disponibilità della città e degli sponsor a starci accanto. Indubbio che Viadana richiami bei ricordi, sarebbe un piacevole ritorno, anche per l’aspetto geografico. Nulla è deciso, aspettiamo».

La guida allo shopping del Gruppo Gedi