Staff Mantova, Maspero colpisce ancora: i playoff ormai sono a un passo

Pistoia battuta all’overtime da una bomba del play esattamente come avvenuto domenica scorsa contro Ravenna 

MANTOVA. Ancora Maspero, ancora una tripla decisiva nei secondi finali, stavolta però dopo un overtime. La domenica precedente ne aveva fatto le spese Ravenna, ieri invece Pistoia. Gli Stings festeggiano la quinta vittoria di fila e playoff quasi sicuri, pur avendo giocato soltanto la metà delle partite in programma nel girone azzurro: meglio di così non si poteva fare. Senza Weaver (bloccato dall’infortunio all’inguine) e con Ghersetti out per falli, è la squadra che porta a casa i due punti, contro una formazione solida ed esperta come quella toscana: la decidono i rimbalzi di Ferrara, la grinta di Infante, i canestri di Ceron e Cortese, e un Maspero infinito.

Le immagini e le parole della vittoria degli Stings contro Pistoia: playoff in vista



Non sembra una gara destinata a un simile epilogo: apre Ghersetti con una schiacciata a difesa schierata, ma la partita ci impiega un pochino a scaldarsi. Gli Stings provano più volte a scavare un piccolo vantaggio, e ogni volta Pistoia riesce a metterci una pezza, prima con l’estone Riisma, poi con l’ex-Casale DeShawn Sims. La volta buona arriva alla fine del primo quarto: prima una tripla di Cortese, dopo palla rubata, poi un missile di Ceron, e la Staff vola via (23-14). Ovviamente è troppo presto per pensare di averla già vinta: la breve pausa aiuta Pistoia a superare il momento di difficoltà e, grazie alla difesa, i toscani pian piano rientrano in partita. È una tripla di Sims che decreta il 27-24 dopo neppure 14’: gli Stings devono ricominciare praticamente da capo e non è per niente semplice perché ora Pistoia gioca sul serio.

Basta una tripla dell’ex-Fortitudo Fletcher, imitato pochi istanti più tardi dal 2002 Riisma, e il tabellone dice 34-33. Se gli Stings possono andare al riposo avanti di sei, è per un paio di magie nel finale di tempo di un Cortese davvero “on fire”.

Maspero inaugura la ripresa con una bella tripla dall’angolo (44-35) ma non va tutto liscio come potrebbe sembrare. Nonostante sia l’ennesimo allungo mantovano, gli ospiti non vogliono saperne di staccarsi: stavolta a riportarli in partita ci pensano i veterani Sims e Poletti, che approfittano dell’assenza in mezzo all’area di Weaver (48-49 al 25’). Con i liberi (ben 19 nel terzo quarto, di cui 18 segnati) Pistoia consolida il vantaggio e chiude al 30’ avanti di cinque (57-62).

Serve il capitano per dare una scossa: 5-0 tutto ghersettiano e lo svantaggio è annullato, poi Maspero, Ceron e Cortese la girano completamente (70-62, parziale di 13-0 in 3’52”).

Non è ancora finita perché Pistoia ritorna sotto: impatta sia a quota 75 con 2’20” da giocare, sia sul 78-78 con appena 28” sul cronometro. Veideman e Sims possono chiuderla ma entrambi sbagliano e dicono overtime: c’è da soffrire fino alla fine, perché Pistoia non si stacca di un millimetro, nonostante Ferrara e Infante lottino come leoni.

L’ultima azione la prende Maspero, è un flashback. Palleggio centrale, poi la solita parabola infinita: retina bucata, game over.




 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Maltempo in Sicilia, in arrivo il "Medicane": attesi nubifragi e venti fino a 100 km/h

La guida allo shopping del Gruppo Gedi