Contenuto riservato agli abbonati

Michieletto il 24 luglio al via alle Olimpiadi di Tokyo: «Sì, stiamo crescendo»

Il sogno dorato del 19enne che ha iniziato a giocare a Castiglione e che in Giappone appare in gran forma dopo gli ultimi test vinti sia contro la Russia che contro la Tunisia

CASTIGLIONE. Il 17 dicembre 2018 un ancora minorenne Alessandro Michieletto giganteggiava al palasport di Cerese, nella baby Itas Trentino di B, facendo capire agli spettatori affezionati al Gabbiano, nonché ai giocatori di Guaresi, quale puledro di razza si trovassero davanti agli occhi. Un bottino di 18 punti faceva dello schiacciatore figlio d'arte nato a Desenzano ma originario di Castiglione, dov'è cresciuto nella locale Scuola Pallavolo diretta da Enzo Valdo, il top scorer di quella sfida di campionato, vinta al tie-break dal sestetto mantovano: ma con 16 attacchi vincenti, un ace e un muro killer, seppur accompagnati da un comprensibile calo nel finale, era parso evidente che Michieletto avrebbe presto spiccato il volo verso palcoscenici più prestigiosi.

BRUCIATE LE TAPPE

Quel ragazzone che solo due anni fa restava a disposizione della squadra giovanile pur frequentando sempre più spesso l'organico trentino di Superlega, conquistando rapidamente maggiore spazio nel massimo campionato e in seguito facendosi un nome nel volley elitario europeo grazie alle coppe, oggi è un pilastro del team di Blengini e sta per vivere l'esperienza del torneo olimpico nell’Italvolley. Una selezione in cui ha debuttato a fine maggio (0-3 con la Polonia) in Nations League, crescendo di gara in gara sino a convincere il ct a portarlo in Giappone a soli 19 anni e 8 mesi.

LA FINALE DI CHAMPIONS

L'avventura dI Michieletto in azzurro non sta passando inosservata. Come non è un traguardo insignificante giocare una finale di Champions a quell'età. A lui è capitato il 1° maggio a Verona, perduta però da Trento contro i polacchi del Zaksa. In Nazionale l'erede di Ricky (altro tipo di schiacciatore, meno dirompente ma dotatissimo in ricezione, due volte scudettato con la Maxicono Parma oltre a 5 coppe europee ma mai quella dei Campioni) sta facendo rumore.

NUMERI DA FAR PAURA

A Tokyo, nella notte tra il 20 e il 21 luglio ha concluso l'ultimo test dell'Italia (netto 3-0 alla Tunisia) con 10 punti e un 57% di efficienza in attacco, da subentrato. All'alba di martedì, nel 3-1 rifilato alla Russia, il castiglionese era rimasto in campo per tutto il test realizzando 13 punti. In precedenza, nel doppio confronto a Cisterna di Latina con l'Argentina, Michieletto era stato sempre l'attaccante più efficace, con 34 punti totali e un impressionante 87% di palloni a terra ottenuto nel 3-0 di domenica 11. «Sono partite che servono a trovare l'amalgama - ha commentato -. Stiamo lavorando sodo, consapevoli che ci attende il torneo più importante che esista. Stiamo facendo vedere buone cose ma non bisogna avere fretta. Dobbiamo lavorare per migliorarci giorno dopo giorno».

GIORNI E ORARI DI GARA

L'obiettivo è dichiaratamente tabù ma il sogno è quello di migliorare il bronzo degli altri tre mantovani del volley: Marco Negri, Andrea Anastasi (da ct) e Cristian Savani. Il programma dell'Italvolley (su Rai 2) comincia alle 2 italiane di sabato col Canada e prosegue lunedì con la Polonia (7.20), mercoledì col Giappone (12.40) e venerdì con l'Iran (12.40), per chiudere la prima fase domenica 1° agosto col Venezuela (9.25).

Video del giorno

Mantova Pride festival: il brunch con le Salamandra Sisters

La guida allo shopping del Gruppo Gedi