Contenuto riservato agli abbonati

Mantova, una prima uscita con sprazzi di bel gioco e volti nuovi interessanti

A Villafranca la partitella tra i biancorossi si chiude 1-0. Silvestro ritorna mezzala, brilla e segna il gol che decide il test in famiglia. Solito super Guccione, fra gli acquisti in luce gli attaccanti Paudice e Bertini

VILLAFRANCA (Verona). Nella prima uscita stagionale - una partita in famiglia di circa 50 minuti totali su uno dei campi dell’Hotel Antares - il Mantova mette in mostra tanta applicazione e qualche volto nuovo interessante. La sfida la decide Silvestro, reinventato mezzala sinistra, che gioca una buonissima gara e segna l’1-0 per la squadra con la maglia rossa.

Il primo test del Mantova di mister Lauro: «Molto, molto positiva»

Ma le occasioni da rete non mancano e il punteggio non diventa più largo per qualche errore di misura degli attaccanti, per diverse parate decisive di Riccardo Tosi e per un paio di conclusioni finite su pali e traverse.

Mister Lauro schiera le due squadre con lo stesso modulo tattico 4-3-3. I “rossi”, davanti al portiere Bertolotti, sono disposti con Bianchi e Darrel terzini, Milillo e Federico Tosi centrali; Messori è in regia, Zibert e Silvestro agiscono da mezze ali; il tridente è composto da Guccione a destra, Paudice centravanti e Bertini a sinistra.

I “blu” rispondono con Riccardo Tosi fra i pali, Pinton ed Esposito terzini, Checchi e Panizzi centrali; in regia c’è Manuzzi (ex Marignanese in prova), mezze ali sono Pedrini e Gerbaudo; davanti Zappa a destra, il baby Fontana centravanti, Rosso a sinistra.

Nella prima parte della contesa i “blu” si fanno preferire, mancano un paio di occasioni con Rosso e Zappa e al 14’ colpiscono il palo con Fontana, che conclude in tuffo di testa su cross di Esposito. Poi salgono in cattedra i “rossi”, con Guccione che conclude a lato dopo un ottimo contropiede e con Paudice che si vede respingere da Tosi la conclusione a botta sicura su assist di Silvestro, innescato a sua volta da Bertini.

In generale, c’è tanta attenzione al pressing e alla fase difensiva, sviluppare la manovra offensiva è arduo.

Ma nella ripresa le cose cambiano e subito Silvestro sblocca il match finalizzando una bella azione: lungo lancio di Messori a pescare Guccione a destra, che di prima mette in mezzo per l’accorrente “Gatto”, che di sinistro non sbaglia.

Il ds Battisti e la prima uscita del nuovo Mantova: «Una buona sudata, ci siamo divertiti»

Due minuti dopo altra manovra da applausi dei “rossi”: il velocissimo Bertini innesca il contropiede e serve Guccione, che mette in porta Paudice: il colpo sotto del centravanti è miracolosamente respinto da Tosi in uscita, poi Paudice ci riprova e colpisce la traversa. Al 5’ la ripetizione dell’azione del gol: stavolta è Bertini a pescare con un lancio lungo Guccione, che rimette Silvestro davanti a Tosi, nella circostanza bravissimo a ribattere il tiro ravvicinato. Poco dopo Bertini manca il bersaglio su cross di Bianchi, lanciato dal solito Guccione e al 14’ lo stesso ex attaccante della Primavera del Verona si vede respingere un tiro da Tosi. Nel finale i “blu” provano a rialzare la testa e reclamano anche un rigore per un contatto fra Bertolotti e Gerbaudo, ma l’inflessibile arbitro Mascotto dice che si può proseguire e il risultato non cambia più.

Nel complesso, il primo test stagionale regala qualche sprazzo di gioco convincente e conferme da parte della vecchia guardia, capitan Guccione in testa. Per quanto riguarda i volti nuovi, bene in particolare il centravanti Paudice (ha forza e mobilità, è scomodo da marcare) e l’esterno Bertini, molto veloce e tecnico. Ma non demeritano neppure il terzino Darrel e i centrocampisti Pedrini e Messori, quest’ultimo adattato regista pur essendo una mezzala. A proposito di registi, non dispiace neppure il classe 1999 Manuzzi, in prova dalla Marignanese, anche se è scontato che per quel ruolo il Mantova cerca sul mercato un elemento rodato di categoria.

Video del giorno

La mostra dei trattori antichi a Castel Goffredo

La guida allo shopping del Gruppo Gedi