Staff, ecco Thompson: l’ala Usa all’attivo ha 265 partite in Nba

Nato in California, trentenne, è un ottimo tiratore da tre punti. Nel palmarès gli anni in Germania e Repubblica Dominicana

MANTOVA. Il quintetto degli Stings 2021/22 si completa col secondo straniero. Il club biancorosso ha ufficializzato l’arrivo dell’ala statunitense Hollis Thompson, nativo di Pasadena, in California. Il lungo di 203 cm è nato il 3 aprile 1991 e vanta ben 265 presenze in Nba.

Thompson inizia a farsi notare alla Loyola High School di Los Angeles dove le sue prestazioni attirano la prestigiosa Università di Georgetown. Terminato il suo percorso universitario, intraprende il suo percorso da senior in D-League coi Tulsa 66ers. Nella stagione 13/14 arriva la tanto attesa chiamata della franchigia Nba dei Philadelphia 76ers. Il primo anno si conclude alla grande con una percentuale da tre punti del 40%, mentre nella stagione 2014/15 si rivela decisivo in più di un’occasione. In questo campionato raggiunge il suo career high di 23 punti segnati nella vittoria per 105-98 contro i Denver Nuggets.

Nella stagione 2015/16 il suo impiego cresce ancora e i punti segnati a partita diventa 9.8 con 3.5 rimbalzi e 1.3 assist. L’esperienza con Philadelphia si conclude nel gennaio 2017 con Thompson che è tuttora il sesto miglior tiratore da 3 punti nella storia dei Sixers con una percentuale del 38,9%. Il neo giocatore degli Stings conclude il campionato in Nba Development League con gli Austin Spurs e con 9 presenze tra le fila dei New Orleans Pelicans in Nba.

Nel corso dell’estate 2017 lascia gli Stati Uniti accasandosi ai greci dell’Olympiakos con cui disputa anche l’Eurolega. Nel 18/19 torna nella lega di sviluppo dell’Nba coi Northern Arizona Suns per poi trasferirsi in Germania coi Crailsheim Merlins. Nel 19/20 Thompson prosegue ai Stockton Kings, mentre nell’ultima stagione si distingue ai Caneros del Este in Repubblica Dominicana. La speranza dei tifosi degli Stings è che la nuova ala possa mantenere le premesse di ottimo tiratore dalla distanza per rendere ancora più completo e qualitativamente elevato il roster a disposizione di coach Di Carlo. Con Laganà, Stojanovic, Mastellari, Thompson e Iannuzzi, la Staff proverà a dire la sua e a reggere il confronto con le “Big” come Cantù, Udine e Torino.

Video del giorno

Segni, “On the Road” racconta la crescita tra musica e acrobazie

La guida allo shopping del Gruppo Gedi