Contenuto riservato agli abbonati

Staff Mantova, un altro esame severo: a Orzinuovi contro l’ex Corbett

I bresciani sono reduci dalla vittoria in rimonta nella sfida d’esordio di Supercoppa a Verona. Forse qualche minuto per Thompson, i biancorossi sono tornati al PalaSguaitzer

MANTOVA. Il cammino in Supercoppa della Staff Mantova continua con un altro match durissimo alle 20.30 del 15 settembre a Orzinuovi. La formazione orceana è tra quelle che si è maggiormente rinforzata in estate e viene data come una possibile outsider per le prime posizioni.

Il gruppo guidato da coach Fabio Corbani è stato aggiornato rispetto alla passata stagione con l’aggiunta dell’ex Stings Lamarshal Corbett e di elementi d’esperienza come Daniele Sandri, reduce dalla promozione in serie A con Napoli ed ex compagno di squadra del biancorosso Iannuzzi, e Andrea Renzi che ha concluso 8 anni di militanza a Trapani. A loro si aggiunge la qualità del nuovo capitano Marco Spanghero e la fisicità di Giga Janelidze e Aaron Epps. Le potenzialità degli orceani si sono viste nel match d’esordio a Verona vinto allo scadere dai bresciani 96-95 con una rimonta dal -13. In questa fase della stagione, comunque, l’attenzione delle squadre è rivolta principalmente ai processi interni e all’affinamento di schemi e tattiche. Lo stesso discorso vale per gli Stings che torneranno in campo a distanza di 4 giorni dal ko interno con Udine per 79-61 con l’obiettivo di fare passi in avanti in termini di continuità e resa offensiva.

Sarà difficile vedere in campo Hollis Thompson, l’ala grande americana arrivata venerdì dopo un lungo viaggio dalla California. Il giocatore ha iniziato ad allenarsi individualmente e lo staff valuterà se dargli qualche minuto nel corso della partita per iniziare a entrare nei meccanismi di squadra. In ogni caso, ci si aspetta qualcosa in più da Stojanovic e da Laganà, due giocatori su cui il quintetto mantovano conterà molto durante la stagione e che contro Udine non hanno brillato (probabilmente anche a causa di acciacchi fisici pregressi). Più che il risultato, quindi, stasera bisognerà valutare i miglioramenti nel gioco con la consapevolezza che servirà tempo per vedere una Staff in forma.

A rendere gli allenamenti degli Stings un po’ più movimentati ci ha pensato un piccolo incendio scoppiato al PalaSguaitzer la scorsa domenica. Le fiamme, generate da un cortocircuito dei pannelli solari, sono state domate senza problemi dai vigili del fuoco. Fortunatamente la struttura non ha riportato danni e la Staff, dopo aver traslocato temporaneamente al Dlf e al palazzetto dello sport di Bancole, ha ripreso ad allenarsi nel pomeriggio del 14 settembre nella sua nuova “casa”.

Video del giorno

Turchia, la furia del minatore non pagato: sale sull'escavatore e distrugge i camion

La guida allo shopping del Gruppo Gedi