A Roma il Viadana conquista la prima vittoria: bel gioco d’attacco ma calo nel finale

Ceballos trascinatore nel convincente successo contro la Lazio. La reazione biancazzurra allo scadere toglie il punto di bonus

ROMA. La terza giornata riporta il sorriso nel clan viadanese per una vittoria esterna, sofferta, meritata al termine di una partita in cui gli avanti sono stati chiamati a conquistare il possesso e non a vincere la gara con continue maul e mischie. Il ritmo è stato alto e le emozioni non sono mancate con le rispettive linee arretrate a darsi battaglia in campo aperto e un direttore d’orchestra, Ignacio Ceballos, a determinare risultato e cifra qualitativa dell’incontro conquistando la palma di man of the match. Sugli scudi anche Jannelli, Mateu, ma tutti i trequarti hanno mosso palla e gambe così come i ball carrier della linea avanzata, costruendo un successo non banale perché i padroni di casa hanno giocato un match orgoglioso e intenso. Unico neo il punto di bonus lasciato sul campo ma la prima vittoria è messa a referto, accompagnata da una prestazione di buon livello.

Inizio positivo del Viadana che alza la difesa su un attacco dei capitolini. I gialloneri ribaltano il fronte con un’iniziativa molto ben costruita dal duo Ceballos-Jannelli ma la Lazio la disinnesca e sulla ripartenza i capitolini trovano una bella meta. Il ritmo è alto e le emozioni si alternano da una parte e dall’altra, con l’ex Ceballos che trova un incrocio vincente che termina con la meta in mezzo ai pali. Passano pochi minuti e i biancocelesti ritornano a schiacciare l’ovale oltre la linea di gesso al termine di un’azione d’attacco ben congegnata. Viadana alza i giri del motore con ancora Ceballos protagonista che gioca la verticale con Zaridze e poi Boschetti finalizza con perfetto timing. Ceballos si conferma in giornata di grazia, uomo perfetto sul gioco rotto che dialoga con efficacia con i velocisti, compagni di reparto come Jannelli che merita di incidere il proprio nome nel tabellino dei marcatori. La prima frazione si chiude con Viadana avanti di 10 punti: 14-24.

Al rientro il canovaccio della gara sembra mantenersi integro, con la linea arretrata a orchestrare melodie vincenti e Ceballos a strappare applausi come primo violino. Mateu riapre le danze; Viadana va in controllo e mentre il confronto sembra andare in ghiaccio, arriva un doppio giallo per Halalilo ed il laziale Marocchini per reciproche scorrettezze e la Lazio che accorcia le distanze con una meta di Parlatore. Con lo scorrere del tempo Wagenpfiel e soci cercano di amministrare mentre i biancocelesti accelerano in un forcing finale agevolato dalla superiorità numerica per l’ammonizione a Mannucci. E al 75’ arriva infatti la meta di Cozzi che strappa il punto di bonus.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Patrick Zaky, nel tribunale di Mansoura subito dopo l'annuncio del suo rilascio

La guida allo shopping del Gruppo Gedi