Ceballos, il pensiero a Finco: «Sta lottando come un leone»

Il regista del Viadana: «Ci manca molto e vogliamo riabbracciarlo al più presto». Il presidente Arletti e il gm Gamboa donano a Rama la maglia del cinquantesimo

VIADANA. Il tempo di metabolizzare il primo successo stagionale, con qualche ombra sul finale, ed è già ora di ricalcolare le coordinate sullo Zaffanella dove arrivano i Lyons Piacenza.

«E’ una formazione molto organizzata con individualità importanti, come capitan Bruno e il centro Paz - sottolinea il man of the match Ignacio “Chino” Ceballos, premiato al termine della sfida con la Lazio, sua ex squadra - ma noi abbiamo lavorato molto sulla difesa e sul ritmo. Mi piace l’ambiente che si è creato qui: lo staff è sempre molto presente e c’è grande dedizione al lavoro, cura dei dettagli e i giocatori sono a fuoco con la direzione tecnica».

I giornalisti romani, durante la sfida contro i biancocelesti, hanno sottolineato i miglioramenti del Chino dalla piazzola, molto preciso al piede. «Ho lavorato molto e continuo a farlo per dare un ulteriore contributo di sicurezza alla squadra, ma è più una questione di testa che di tecnica e quindi - continua l’apertura argentina - calciando molto ai pali durante la settimana si acquisisce consapevolezza e tranquillità in partita». Il tono di voce del Chino diventa più pacato, ma non triste in quanto si colgono note di speranza e ottimismo quando si parla della fotografia scattata a Roma a Ramiro Finco (qui a fianco, ndr) che certifica i progressi clinici di “Rama”, una vera boccata d’ossigeno per i gialloneri: «Da atleta era sempre scrupoloso nel lavoro e nell’alimentazione ma anche combattivo nel raggiungere il top della condizione. Ora sta lottando come un leone, con la stessa determinazione per fare continui passi avanti. Ci sentiamo molto spesso come è ovvio che sia, ci manca molto e vogliamo riabbracciarlo al più presto, per questo confidiamo nella sua tenacia».

Nei giorni scorsi il presidente Giulio Arletti e il general manager Ulises Gamboa sono appunto andati a fare visita allo sfortunato giocatore vittima nel marzo scorso di un malore durante la sfida contro la Lazio. Alla Clinica riabilitativa della Fondazione Santa Lucia, dove fa continui miglioramenti, alla presenza dei genitori Alejandra e Alfredo, gli è stata consegnata la maglia del 50esimo autografata da tutti i gialloneri, nonché il ricavato delle donazioni ricevute grazie alla solidarietà degli amici e di tutto il movimento rugbistico italiano.

Tornando a Ceballos, in quanto a leadership è certamente uno degli atleti più carismatici e quindi diventa ancora più importante l’endorsement al giovane compagno di squadra, Juan Wagenpfiel, capitano giallonero: «Merita i gradi acquisiti perché lavora duramente da quando è arrivato, giovanissimo, a Viadana. E’ un supporto continuo per noi, sta interpretando bene il ruolo che gli è stato affidato». Kick-off quindi sabato alle 16 mentre il giorno dopo saranno i Caimani a vedersela con la Junior Brescia allo Zaffanella per la prima giornata di serie B.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Rincari delle bollette: quali le cause? Si potranno evitare? Quali conseguenze? Risponde l'esperto

La guida allo shopping del Gruppo Gedi