Mantova calcio, «Da Caio risposte che volevo».

«Le tre gare ravvicinate? Necessario fare rotazioni»

MANTOVA. Se Maurizio Lauro cercava delle risposte dal provino contro la Primavera nell'esordio a Mantovanello, quella più significativa è certamente relativa a Caio De Cenco. Tre gol in 15' sono già un eloquente biglietto da visita, ma in generale è stato vedere la sicurezza con la quale l'italo-brasiliano si è mosso in campo a rassicurare sul suo recupero in vista del Lecco: «Mi ha dato l'impressione di stare bene - ha commentato il mister biancorosso al termine - per cui sarà nell'elenco dei disponibili. Poi dobbiamo valutare in questi ultimi due giorni di preparazione se e come utilizzarlo». Anche perché in vista c'è un trittico di fuoco: dopo la gara di domenica al Martelli, mercoledì 20 (ore 18) la trasferta di Trieste alla quale seguirà dopo appena quattro giorni il nuovo impegno casalingo contro il Sudtirol. Come dire che le forze dovranno essere gestite in previsione di questo, anche se per il momento Lauro non parla di turn-over immediato: «È evidente che nel corso delle tre gare qualcosa dovrà cambiare - ha spiegato - ma ancora non so quando. In testa qualche idea ce l'ho, tuttavia devo vedere anche le risposte che mi arriveranno dagli allenamenti. Con la Primavera, come sempre quando si lavora, ho visto alcune cose buone ed altre meno: preferisco tenermi i dubbi fino alla fine e poi fare le valutazioni definitive». L'impressione che se ne trae è che contro il Lecco potrebbe cambiare poco nel Mantova rispetto a Seregno, per poi eventualmente modificare qualcosa nello schieramento da opporre alla Triestina al "Rocco". 

Video del giorno

Omnia Mantova - Toh, ci fu il Trecento

La guida allo shopping del Gruppo Gedi