Volley Gabbiano, debutto ostico a Crema, Èpiù a Sassuolo contro i figli d’arte

Il team di Serafini in campo alle 21, il coach ha fiducia. In forse il centrale Zanini. I viadanesi di Panciroli alle 18 sfidano la Kerakoll di Sartoretti e Bevilacqua junior

MANTOVA. Il Gabbiano torna sul luogo di un delitto mancato, l'Èpiù va alla scoperta di nuovi orizzonti per rivedersi ancora competitivo. Mantova e Viadana cominciano la loro avventura nel campionato di B maschile, in gironi differenti: il Top Team nel C, gruppo E invece per i rivieraschi.

Debutto a Crema (ore 21) per il Gabbiano, laddove lo scorso aprile fu sorprendentemente battuto nella prima gara di playoff, agguato poi sventato dal successo pieno (e al golden set) del ritorno. Ma ce n'è abbastanza per tenere alto il livello di guardia. «Mi hanno parlato di quello scivolone ma le due squadre sono profondamente cambiate e non so se ci possano essere assonanze - spiega il nuovo allenatore del Top Team Simone Serafini -. È vero però che la prima partita della stagione molto spesso sfugge al pronostico perché porta con sè implicazioni psicologiche che nemmeno i giocatori più esperti riescono a controllare. A livello di preparazione siamo esattamente dove ritenevamo di essere. La preseason è andata bene, i test sono stati soddisfacenti dal punto di vista del gioco, al di là di risultati positivi che lasciano il tempo che trovano. Ho potuto annotare pregi e difetti. Soprattutto non abbiamo avuto infortuni seri». Qualche fastidio al centro sì: rientrato Miselli un paio di settimane fa, ora è Zanini in forse per una distorsione alla caviglia accusata martedì in allenamento.

Per Viadana l'impegno è alle 18 a Sassuolo, contro la Kerakoll dei figli d'arte Sartoretti e Bevilacqua, nonché dell'ex Mantova Pedroni. Trasferta ostica e coach Alberto Panciroli lo sa bene: «Affrontiamo una squadra che solo un paio d'anni fa frequentava i quartieri alti della B e questo non mi lascia tranquillo. Nelle ultime settimane abbiamo badato soprattutto a recuperare gli infortunati e ricompattarci. Ferrari Ginevra, dopo la pulizia del ginocchio, sarà disponibile a fine mese, mentre Caramaschi gestisce gli acciacchi al ginocchio e stringendo i denti sarà in campo. Poi stiamo lavorando sul passaggio di Colella nel ruolo di schiacciatore, ruolo da lui già interpretato in passato. Ne possiede i fondamentali, deve solo adattarsi alla pallavolo che ho in testa».

Video del giorno

Omnia Mantova - Toh, ci fu il Trecento

La guida allo shopping del Gruppo Gedi