Mantova, Èpiù e Gabbiano pronti ai big match di sabato

Il Top Team, tornato al comando, sfida l’ex regina a Monticelli. Il Viadana vuole il poker a Mirandola contro la vice capolista

MANTOVA. Dalla giornata più agevole già agli archivi a quella probabilmente più tosta che sta per profilarsi. Gabbiano ed Èpiù tasteranno il polso dopodomani alle rivali più accreditate dei rispettivi gironi di B maschile. Il Top Team va a Monticelli d'Ongina forte di aver ritrovato la vetta del girone C proprio a discapito dei piacentini, battuti al tie-break dal Cazzago. E Viadana, reduce da un tris di vittorie, fa visita al Mirandola secondo in classifica del girone E.

«Vincere fuori casa non è mai facile, tanto più contro una squadra di qualità come Ongina - dice la sua il presidente del Gabbiano Paolo Fattori -. Non sarà comunque una gara decisiva, anche se nel caso riuscissimo a fare bottino pieno, scaveremmo un gap di quattro punti nei loro confronti. La stagione è lunga, non c'è nulla di definito e tutte le partite nascondono insidie. Di sicuro i ragazzi stanno bene e lo hanno confermato anche con Rovereto, seppur si sia rivelata una squadra di livello inferiore. Sappiamo che non è possibile vincere sempre e da tre, credo tuttavia che se c'è una squadra su cui ci sarà pressione quella non è la nostra».

«Per come si sono presentati i nostri rivali, il 3-0 di sabato scorso su Ferrara non ci ha dato molte indicazioni - commenta dal fronte dell’Èpiùil tecnico Alberto Panciroli -, nemmeno nel più combattuto dei set vinti. Quel che so è che siamo in crescita, anche se ancora lontani dalla miglior pallavolo che possiamo esprimere. A Mirandola so che ci sarà battaglia solo se giocheremo al meglio, la squadra è la più valida alternativa alla favoritissima Parma. I modenesi sono da anni una squadra d'alta classifica, hanno valori importanti e dispongono probabilmente del miglior opposto della serie B, Francesco Ghelfi. Noi dobbiamo trovare la condizione ideale ma anche possedere l'intelligenza per capire come migliorarci. Il mio rimpianto è aver accusato quel passaggio a vuoto casalingo: il ko contro l'Anderlini ci poteva stare, quello contro Forlì no. E ora dobbiamo inseguire».

Anche se, a differenza del Gabbiano, l'Èpiù non punta apertamente all'A3 ma a disputare una nuova stagione da outsider.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Ponte di San Benedetto Po, l'attesa del varo

La guida allo shopping del Gruppo Gedi