La corsa del Castellaro nella Coppa Europa si è fermata in semifinale

Domenica la gara per il terzo posto con i francesi del Cournonterral. Una mantovana, Noemi Sogliani, a caccia del titolo rosa con il Nave San Rocco

MANTOVA. Si chiude in semifinale il percorso del Castellaro nella Coppa Europa indoor. Nella manifestazione in corso d’opera tra i palazzetti di Guidizzolo, Monzambano e Volta i virgiliani superano senza problemi i quarti di finale del mattino - 13 a 3 ai tedeschi del Team Cologne - prima di arrendersi ai francesi del Florensac per 13-10.

Eppure le cose sembravano in discesa per il terzetto composto da Alessandro Merighi, Luca e Manuel Festi, avanti fino al 10-7, da lì una serie di errori decisivi ha portato i transalpini alla rimonta finale. Per il Castellaro, comunque, nessun rimpianto: «Alla fine abbiamo mollato, sia fisicamente che mentalmente - riconosce il dt del Castellaro Luca Baldini - dopo un’ora e mezza tirata ma piacevole. Sul 10-7 non l’abbiamo chiusa e gli errori ci hanno condannato. Ma va bene così, abbiamo messo tutto quello che avevamo. I pochi allenamenti al chiuso, oltre alla stagione open vincente ma dispendiosa, hanno fatto la differenza».

Il 28 novembre a Volta le finali: alle 11 la compagine di patron Danieli proverà a guadagnarsi il bronzo sfidando il Cournoterral nella finalina. Nella finalissima delle 16, contro i transalpini, ci sarà invece il Cinaglio. A rappresentare la provincia ci sarà anche Noemi Sogliani: la goitese, in forza al Nave San Rocco, si è qualificata per l'ultimo atto in programma alle 14, quando potrà giocarsi la coppa nel derby tutto italiano col Mezzolombardo.

Video del giorno

Metropolis/13, Folli: "Se fossi Salvini ci penserei due volte a candidare Casellati"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi