Staff Mantova, quattro sfide toste in chiusura di girone di andata per tornare sicuri in zona playoff

Da sinistra Maspero, che tornerà in campo nel 2022, e Stojanovic, che si spera di rivedere presto

Il 5 dicembre big match a Udine poi arriva la quotata Assigeco. Trasferta a Biella e infine un’altra partita dura contro Pistoia

MANTOVA. Una partenza lanciata con quattro vittorie seguite da cinque sconfitte. Dalla vetta condivisa con Cantù al decimo posto, vale a dire fuori dai playoff.

La caduta della Staff è onestamente spiegata in gran parte con la fitta serie di infortuni che ha colpito la squadra. Un momento difficile ma la recente sconfitta contro Torino ha fatto intravvedere la luce in fondo al tunnel dopo aver toccato il fondo con il 104-73 subito la settimana precedente a Milano. Segnali di ripresa agevolati dal rientro scoppiettante di Thompson e dall’immediato positivo innesto di Spizzichini. Domenica prossima si potrebbe compiere un ulteriore passo avanti a Udine se, come si spera, potrà tornare a disposizione Stojanovic dopo noiosi guai muscolari.

La trasferta friulana, contro un’altra corazzata del girone, apre il poker di sfide che porteranno al termine del girone di andata. Una serie che continuerà con la gara casalinga contro l’Assigeco Piacenza, la trasferta a Biella infine la partita alla Grana Padano Arena contro Pistoia. Due o anche tre gli incontri che i biancorossi devono portare a casa se vogliono andare al giro di boa in una posizione tranquilla di classifica, pienamente in lizza per il traguardo finale dichiarato del terzo-quarto posto. Ma non sarà facile.

Già domenica 5 dicembre a Udine sarà una battaglia, contro un team che, pur reduce dallo stop per Covid (rinviato il big match contro Torino), ha messo fino in fondo alla frusta a Desio la capolista Cantù passata in volata 81-78. E l’Apu, fermata in precedenza solo a Treviglio, era orfana di due pezzi da novanta come capitan Antonutti e Nobile.

Il recupero di Stojanovic andrà valutato attentamente, considerando che il serbo potrebbe rientrare meglio una settimana più tardi contro l’Assigeco in una sfida da vincere a tutti i costi. I piacentini, due punti sopra Mantova in classifica, sono un altro cliente per niente facile: chiedere per conferma a Cantù che, solo dieci giorni fa, ha conosciuto il primo stop stagionale proprio al PalaBanca con un sonoro 84-71. Gli emiliani non avevano per niente sfigurato un paio di settimane prima a Torino mentre domenica scorsa si sono imposti di un punto a Orzinuovi a casa del fanalino ancora al palo.

L’altra cenerentola del girone Verde, Biella dell’ex biancorosso Infante, riceverà la Staff con il coltello fra i denti per smuovere la classifica se non lo avrà già fatto prima ospitando Cantù o nel derby della disperazione in terra bresciana. La nobile decaduta domenica scorsa ha ceduto di 4 punti ospite della Bakery e non aveva sfigurato a Torino cedendo pure di 4 e a Casale (ko di 3). Infine la sfida casalinga di inizio 2022 contro Pistoia (4 punti sopra gli Stings ma con una gara in meno) che si è piegata finora solo davanti a Cantù e a Udine.

Insomma, un poker tosto ma con Stojanovic due o tre centri si possono colpire.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Elezione del presidente della Repubblica, prima votazione per il Quirinale a Montecitorio: diretta

La guida allo shopping del Gruppo Gedi