In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
elezioni crl

Il Tar non chiude a Pasquali l’idea del ricorso nel merito

1 minuto di lettura

mantova

La querelle sulle elezioni Crl ricorda la Torre di Pisa, paragonando l’eterna pendenza agli infiniti passi procedurali del caso. Come la costruzione vanto da secoli di quella terra è in bilico da sempre, la conclusione inappellabile non è giunta nemmeno davanti al Tar del Lazio, che ha bocciato la richiesta di sospensiva (passo obbligato, quanto scontato nell’esito, del gruppo Pasquali) lasciando però uno spiraglio sulla valutazione del merito, aspetto fondamentale dalla proroga d’apertura del seggio del 9/1/21, peraltro con tempi non conosciuti. L’avvocato Viglione, legale del Crl, ha evitato che i suoi assistiti fossero esautorati e ha preso atto che il Tar Lazio si pronunci nel merito. Si allunga così l’attesa di chi ha affidato all’avvocato Pellegrino le sue ragioni. Sarà lui a sapere se l’esame potrà avvenire in tempi brevi e al contempo formulare un ricorso al Tar Lazio. In caso contrario il caso sarà davvero chiuso.—

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori