Contenuto riservato agli abbonati

Multiproprietà, no al ricorso, Setti: «Per il Mantova non cambia nulla»

Il Tribunale Federale ha respinto le istanze di De Laurentiis per Napoli e Bari. Il patron Acm: «L’iter durerà a lungo. Noi pensiamo alla prossima stagione»

MANTOVA. È arrivata una doccia fredda il 4 maggio sul tanto dibattuto discorso delle multiproprietà nelle società di calcio che, da delibera della Figc del 1º ottobre 2021, sarà vietata a partire dall’anno 2024.

Una vicenda che riguarda da vicino il Mantova, con patron Maurizio Setti maggiore azionista e pure presidente del Verona, oltre al Napoli e al Bari al cui vertice ci sono rispettivamente Aurelio e Luigi De Laurentiis.

Video del giorno

Calenda a Mantova per il nuovo libro: «Occidente in crisi, si torni a pensare ai diritti»

La guida allo shopping del Gruppo Gedi