In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Maestri avanti con la Eolo rinnovo fino al 2024, anche Affini può prolungare

Ciclismo. Il suzzarese d’adozione resterà nel team gestito da Basso e Contador. Il contratto del buscoldese con la Jumbo scade nel 2023

Andrea Gabbi
1 minuto di lettura

Tempo di vacanze per il ciclismo su strada professionistico. Tempo pure di bilanci, di allenamenti blandi per tenere viva la gamba. E tempo di contratti. La prima firma pesante l’ha messa Mirco Maestri, con il rinnovo di contratto siglato con la Eolo-Kometa. Un grande segnale di fiducia da parte del team gestito a 4 mani di Ivan Basso e Alberto Contador: per il corridore reggiano ma suzzarese a tutti gli effetti è arrivato un prolungamento fino al 2024. Segno evidente che i vertici della squadra credono in lui. La Eolo-Kometa negli ultimi anni ha fatto passi da gigante, diventato una realtà solida nel panorama delle Professional. Manca ancora qualcosa per il grande salto nel World Tour, ma ovviamente di questi tempi meglio calibrare i passi in base alla lunghezza della gamba. E di gamba Maestri ne ha tanta, visti i buoni piazzamenti del 2022. Un podio al giro di Croazia, una top ten al giro di Turchia e quella vittoria sfumata per poche centinaia di metri al Giro d’Italia nella tappa di Cuneo dopo una fuga esaltante.

Anche Edoardo Affini si sta ricaricando in vista della stagione 2023. Annata particolare, perché il suo contratto triennale con la Jumbo-Visma andrà verso la scadenza. Le parti non hanno ancora valutando il rinnovo, ma ci sono ottime possibilità di un prolungamento naturale dell’esperienza con il team olandese. Squadra che è in testa al ranking dell’Uci e che annovera i migliori corridori al mondo. Non è un mistero che alcuni team stiano pesando ad Affini come innesto per il 2024, ma al momento la pista più concreta e realistica è quella di un nuovo contratto con la Jumbo.

I commenti dei lettori