In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
Il punto

Mantova calcio, due passi avanti e tre indietro: così è dura stare a galla

Andrea Gabbi
1 minuto di lettura
Copyright 2022 Stefano Saccani, all rights reserved 

Perdere una gara così non può starci. Non tanto per il ko in sè (che complica e non poco i piani di risalita) quanto piuttosto per il come è maturato questo risultato. Perché con l’Albinoleffe era una partita importante, a tratti fondamentale. E vederla giocata in questo modo, con un approccio blando e senza il piglio di chi deve avere sempre il coltello tra i denti, è inquietante.

Risuonano nella mente le parole del ds Battisti dopo il pesante ko di Busto Arsizio, agli albori del campionato, quando disse che «c’è da avere una mentalità diversa da adesso in avanti, la mentalità di chi deve guadagnarsi la salvezza su ogni campo». Ecco, quella mentalità che si è vista ad esempio con il Pordenone, oppure con la Pergolettese. Non ieri. Va bene la rabbia per i due pali e pure il rammarico per aver perso contro una squadra che non ha fatto nulla più del compitino per vincere.

Ma questi sono demeriti dei biancorossi, ed è bene sottolinearli perché non possono ripetersi. C’è poi da aggiungere come ulteriore demerito, quello di aver ceduto il fianco ad un avversario che ha tenuto in panchina il grosso dei giocatori di qualità in organico (Manconi, Tomaselli e Petrungaro) e che non ha fatto altro che schierarsi in modo quadrato alla ricerca di un pareggio. E ha fatto bene, perché se c’era una squadra che doveva alzare ritmi e dinamismo era quella di Corrent.

Insomma, dopo i due passi avanti visti in successione con FeralpiSalò e Juventus Next Gen, ecco tre balzi all’indietro, con la salvezza diretta che si allontana e con le rivali (tutte, pure quelle dietro) che fanno punti pesanti. Il gambero biancorosso continua a fare e disfare, alla ricerca di una continuità tanto agognata ma mai realmente toccata. Forse qualcuno non si sta rendendo conto che il rischio è alto: la salvezza al momento è lontana 4 punti, 5 se si considera che con Sangiuliano e Albinoleffe gli scontri diretti sono deficitari. Adesso si è fatta dura, sveglia perché così non va proprio

I commenti dei lettori