In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
il caso

Calcio, scoppia la grana biglietteria per il Mantova: la prefettura chiude il Point nei giorni delle gare interne

Vietato emettere biglietti in strutture all’interno della zona di sicurezza. Via i container delle Aquile per la riqualificazione del Te

Andrea Gabbi
1 minuto di lettura
Copyright 2022 Stefano Saccani, all rights reserved 

Ancora un mese di limbo, poi scoppierà una piccola-grande grana per il Mantova. Quella legata alla vendita dei biglietti nei giorni dei match interni. La prefettura ieri ha diramato un comunicato nel quale spiega che dal primo gennaio 2023 sarà vietato l’acquisto dei tagliandi all’interno dell’area di massima sicurezza il giorno della partita. Questo perché la norma vigente vieta a persone che non hanno titolo di entrare in quella zona (dopo il pre filtraggio) ed eventualmente uscirne per accedere ad un altro settore dello stadio. Tradotto: l’Acm dovrà chiudere la biglietteria attiva al Mantova Point nei pre partita. Un bel problema, perché attualmente il negozio sotto la tribuna centrale è l’unico in grado di emettere i tagliandi per le partite nel caso un tifoso volesse accedere al Martelli il giorno stesso.

Nei giorni scorsi il Comune, nell’ambito dei lavori di riqualificazione dell’area del Te, ha rimosso i vecchi container che fungevano da biglietterie alle Aquile. Strutture che non erano di proprietà del Mantova attuale, ma delle vecchie gestioni fallite. È stato prospettato al club di installare una biglietteria mobile in viale Isonzo, sotto i Distinti chiusi: «Va benissimo, ma chi la paga? – afferma il direttore operativo Alessandro Raffa a margine dell’incontro con prefettura e organi competenti –. Perché non si tratta solo della strutta, ma vanno installati computer, collegamenti elettrici e internet per l’emissione dei tagliandi. Per ora abbiamo ottenuto di poter chiudere l’anno solare con il Point, poi sarà un problema. Ma non può esserlo del Mantova, nel senso che non possiamo essere noi a trovare una soluzione logistica a questa situazione». Un luogo adatto potrebbe essere il piazzale di sosta degli autobus all’angolo tra Distinti e Curva Te, ma chiaramente il tempo stringe e, in caso di lavori, ci sarà da capire chi dovrà sopportarne i costi: «Al momento, se non ci saranno sviluppi, la prospettiva è quella di chiudere la vendita di biglietti nei giorni delle gare, obbligando di fatto i tifosi ad acquistare i tagliandi solo ed esclusivamente in prevendita. Ma sappiamo che la cosa creerà problemi, perché molti tifosi sono abituati da sempre ad acquistare il biglietto nel pre partita». Andrea Gabbi

I commenti dei lettori