Videogame, la fabbrica dei sequel milionari

Videogame, la fabbrica dei sequel milionari
Apre martedì a Los Angeles l'E3, la grande fiera dedicata ai videogiochi. Budget stellari, star di Hollywood e saghe senza fine
2 minuti di lettura
"INTRATTENIMENTO su larga scala. Ecco quello che facciamo. Che poi si chiami Harry Potter, Lo hobbit, Avatar o Destiny è un dettaglio". Pete Parsons, direttore operativo della Bungie, non ha dubbi su quale sia il posto dei videogame nel mondo. O quantomeno di quelli che crea il suo staff. Con sede a Seattle, la sua è la stessa azienda che ha inventato la saga di Halo, 60 milioni di copie vendute. E il 9 settembre si appresta a lanciare sul mercato Destiny, un mondo fantascientifico che mira a competere, per complessità, con quello di Star Wars. Un universo online post apocalittico, ambientato nel XXVIII secolo, capace di evolversi autonomamente e che sarà accessibile anche da smartphone e tablet. Alla Bungie ci stanno lavorando da cinque anni, con un costo stimato attorno al mezzo miliardo di dollari. Un record assoluto, basti pensare che per i Pirati dei Caraibi: ai confini del mondo, il film più caro della storia, di milioni ne sono stati spesi "appena" 300.

Benché se ne parli da tempo, le prime immagini sono circolate a novembre del 2012, Destiny sarà uno dei pochi nomi nuovi dell'Electronic Entertainment Expo (E3), che apre ufficialmente i battenti martedì a Los Angeles. È la fiera più importante in assoluto: tutto quel che vedremo nei prossimi tempi su console verrà mostrato qui. Quest'anno niente hardware, ma solo videogame e soprattutto tanti sequel. Grandi produzioni, anche per i visori per la realtà virtuale come Oculus di Facebook e Project Morpheus di Sony, in cerca di un posto al sole in un business che secondo gli analisti vale fra i 50 e i 70 miliardi di euro. Mondo nel quale non è semplice restare a galla per i costi di sviluppo divenuti vertiginosi e dove quindi si rischia poco. Il budget di Destiny infatti è un primato ma non un'eccezione. Watch Dogs, appena uscito, pare sia costato 150 milioni di dollari. Grand Theft Auto V a settembre ha toccato quota 250 milioni, ma ne ha incassati 800 in 24 ore con 11 milioni di copie vendute. Ecco spiegata la lunga lista di seguiti dell'E3, di "assi piglia tutto", di saghe che ormai sono garanzia di successo.

L'ultimo Call of Duty ad esempio, Advanced Warfare, serie campione di incassi con 120 milioni di copie piazzate. Gioco atteso per novembre che si svolge in un'America del 2054 dove contano più le corporazioni militari che gli stati e che avrà un "cattivo" del livello di Kevin Spacey, il protagonista della serie tv House of Cards. Ci sarà anche l'inevitabile Assassin's Creed (73 milioni di copie), in arrivo in autunno con un capitolo intitolato Unity ambientato durante la Rivoluzione francese. Poi gli annunci per il 2015: di Halo 5 la Microsoft dovrebbe mostrare un filmato, così come farà la Sony con il prossimo episodio di Uncharted e la Nintendo con un altro The Legend of Zelda. Sullo sfondo produzioni meno elefantiache, che provano a puntare sulla narrazione. Iniziando da Homefront 2, seguito di un gioco molto duro scritto da John Milius (lo sceneggiatore di Apocalypse Now), che racconta dell'invasione degli Usa da parte della Corea del Nord, con gli americani costretti al ruolo di guerriglieri clandestini, quasi dei terroristi.

Fin qui il presente. Per parlare di vero futuro bisogna invece scomodare Hideo Kojima, fra i game designer più importanti in circolazione e "padre" dell'epopea di Metal Gear. "Sulle nuvole, stiamo andando sulle nuvole", spiega. "E ci stiamo andando molto velocemente. Fra qualche anno grazie al cloud si potrà giocare a un videogame accedendo da qualsiasi dispositivo: smartphone, console, tablet, pc. Fai una missione sul primo mentre vai a lavoro sulla metro, la riprendi sulla seconda di sera. Ma prima di allora bisognerà costruire forme adatte di interconnessioni fra questi dispositivi. Che è quel che faremo in parte con Metal Gear Solid V". Altro sequel, altro titolo di punta della prossima stagione, altra star dell'E3. Stavolta con il protagonista doppiato da un attore del calibro di Kiefer Sutherland.

 
2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito