Super Mario Run corre su iPhone, la prima app dell'eroe Nintendo

 Il videogame per iOS dell'idraulico della casa di Kyoto fra luci e ombre. Anche i download corrono, ma bisognerà vedere se la versione a pagamento sarà un freno

1 minuti di lettura
MARIO comincia a correre e a saltare sugli schermi tattili, mentre la sua Nintendo in borsa traballa ed inciampa. L’app per iPhone e iPad più importante di questo Natale esce fra luci e ombre, portando un pezzo importante delle console tradizionali su quelle di nuova generazione che tutti noi ormai abbiamo in tasca. Tre livelli gratuiti, gli altri invece si pagano 9,99 euro. Cifra stellare su smartphone, spiccioli su Wii U e 3DS.
 
Super Mario Run somiglia in apparenza a Temple Run e ai suoi cloni, ma in realtà somiglia soprattutto a se stesso. Solo in versione iPhone, verticale. Sei mondi differenti, ognuno con quattro quadri, che si possono giocare a tre livelli di difficolta diverse. Più una serie di sfide e un regno che il cattivo Bowser ha distrutto e che noi dovremo ricostruire. Non è un gioco vasto. Lo si finisce in poco tempo e per quanto si possa rigiocare alzando l’asticella della difficoltà, considerando i 10 euro si poteva forse fare di più. Ma è facile (bonus), divertente e di una qualità che su App Store raramente si vede.
  Il 'padre' di Super Mario, al secolo Shigeru Miyamoto, lo ha detto chiaramente: questo è un gioco in equilibrio fra passato e futuro.. Ed è un gioco che serve a far conoscere Mario alle nuove generazioni, quelle che usano gli smartphone dei genitori, sperando che poi chiedano di entrare nel vero mondo della Nintendo al quale si accede dalle sue console. Mentre Mario insegue le monete da collezionare e supera avversari di ogni tipo, viene però da chiedersi se questa formula possa davvero funzionare. Disponibile in 62 paesi, in 24 ore si è aggiudicata già un posto nella top 5 di quelle che hanno guadagnato di più nel primo mese di vita. Ma vedremo nei prossimi giorni quanti download potrà vantare la Nintendo e quanti di questi verranno trasformati in acquisti.