Ancora record per Apple: ricavi per 111,4 miliardi, trimestre sopra attese

Record di vendite per iPhone 12, che cresce del 57% in Cina. La pandemia e il lockdown spingono anche i Mac e iPad. Gli abbonati ai vari servizi sono oltre 620 milioni

3 minuti di lettura
(reuters)

Vendite e profitti di Apple battono in questo trimestre tutte le aspettative di Wall Street. Grazie anche ai nuovi iPhone 5G, che portano il settore smartphone a un nuovo record, con una crescita del 57% in Cina. Apple ha lanciato la sua linea di iPhone 12 con diverse settimane di ritardo rispetto al solito, ma la gamma più ampia e il nuovo design sembrano aver incontrato il favore degli utenti che cercavano un nuovo modello, soprattutto nella Repubblica Popolare. L'azienda ha anche registrato forti vendite dei computer portatili Mac e iPad nel trimestre, spinti dai consumatori che lavorano, imparano e giocano da casa durante la pandemia.

Le entrate di Apple per il trimestre terminato il 26 dicembre sono aumentate del 21% a 111,44 miliardi di dollari. L'utile per azione è salito a $1,68 da $1,25. Gli analisti si aspettavano $103,28 miliardi e $1,41 per azione. Le vendite di iPhone sono state di 65,60 miliardi di dollari, rispetto alle stime di 59,80 miliardi di dollari, battendo il precedente massimo trimestrale di Apple di 61,58 miliardi di dollari di vendite di iPhone per il primo trimestre dell'anno fiscale 2018. Apple, la più grande società pubblica statunitense quotata in borsa per capitalizzazione di mercato con un valore di 2.400 miliardi di dollari, è cresciuta anche durante la pandemia, che ha costretto l’azienda a chiudere molti dei suoi negozi ma ha spinto numerosi consumatori a comprare o aggiornare i dispositivi.

Il Ceo di Apple Tim Cook ha detto che la società ha ora una base installata attiva di 1,65 miliardi di dispositivi, rispetto a 1,5 miliardi di dispositivi un anno fa. Oltre un miliardo sono gli iPhone, in aumento rispetto ai 900 milioni del 2019. Le restrizioni di viaggio della pandemia hanno rallentato il ciclo di sviluppo dei prodotti di Apple, e questo è costato ad Apple fino a 100 miliardi di dollari dalla sua capitalizzazione di mercato in ottobre. Ma anche allora, Cook e altri erano ottimisti che gli iPhone 12 sarebbero diventati dei best seller, citando i primi dati di vendita in Cina. La previsione si è rivelata corretta, con le vendite del primo trimestre fiscale in Cina in aumento del 57% a 21,31 miliardi di dollari, rispetto ai 13,58 miliardi di dollari di un anno prima. "Sono nostri due dei primi tre smartphone più venduti nella Cina urbana", ha detto Cook, aggiungendo che anche molti altri prodotti e servizi dell'azienda hanno venduto bene. Cook ha detto che Apple ha aumentato le vendite di iPhone in Cina sia per i clienti che passano dai dispositivi  Android, sia per i vecchi clienti che aggiornano i dispositivi, “mai così tanti in Cina".

Le vendite di Mac hanno raggiunto 8,68 miliardi di dollari, in linea con le aspettative degli analisti di 8,69 miliardi di dollari. Apple nel mese di novembre ha lanciato i primi computer portatili e desktop con il chip M1 progettato in casa, che ha segnato la fine di una relazione durata quasi 15 anni con Intel. Le vendite di iPad sono state di 8,44 miliardi di dollari rispetto alle aspettative degli analisti di 7,46 miliardi di dollari. Cook ha detto che Apple aver potuto fare ancora meglio, se non fosse stata costretta a scontrarsi con "problemi dei fornitori". Ha detto che "i semiconduttori sono disponibili in quantità molto limitate", ma che anche altre aree della catena di approvvigionamento hanno contribuito al rallentamento.

Il segmento dei wearable e degli accessori di Apple, che comprende le linee di prodotti Apple Watch e AirPods, ha raggiunto 12,97 miliardi di dollari di entrate, contro le stime degli analisti di 11,96 miliardi di dollari. Nel mese di dicembre, la Mela ha lanciato le AirPods Max, cuffie wireless over-ear vendute in Italia a 629 euro, che tuttora sono di scsrsa reperibilità: per Cook la disponibilità rimarrà ancora limitata almeno fino a primavera.

I servizi dell'azienda, come il nuovo pacchetto Apple One che include televisione, musica e servizi di cloud, hanno registrato  15,76 miliardi di dollari di entrate, rispetto alle stime degli analisti di 14,80 miliardi di dollari. Apple ha 620 milioni di abbonati paganti sulla sua piattaforma, in anticipo sul suo obiettivo di avere 600 milioni di abbonati entro la fine del 2020. Il comparto dei servizi include anche le vendite dell'AppStore, le cui pratiche di fatturazione sono diventate un punto di conflitto con Epic Games, il creatore di Fortnite, e le cui regole sulla privacy hanno scatenato una disputa pubblica con Facebook. 

"Questo trimestre per Apple non sarebbe stato possibile senza il lavoro instancabile e innovativo di ogni membro del team Apple in tutto il mondo", ha affermato Tim Cook, commentando i risultati trimestrali del gruppo. "Siamo gratificati - ha proseguito - dalla risposta entusiasta dei clienti alla linea di prodotti all'avanguardia che abbiamo venduto durante una eccezionale stagione natalizia. Siamo inoltre concentrati su come possiamo aiutare le comunità di cui facciamo parte a ricostruire in modo forte ed equo, attraverso sforzi come la nostra Iniziativa per l'equità razziale e la giustizia, nonché il nostro impegno pluriennale a investire 350 miliardi di dollari negli Stati Uniti".